25 minuti x 19 km | Architetto.info

25 minuti x 19 km

wpid-10064_home.jpg
image_pdf

Venticinque minuti e diciannove chilometri per la Canada Line che collega il centro di Vancouver all’aeroporto internazionale Yvr e alla città di Richmond, e comprende nel percorso le fermate alle sedici stazioni (quattro a Richmond, tre a Sea Island e nove a Vancouver) tutte caratterizzate da un concept progettuale particolarmente attento all’ambiente, sia nelle scelte strutturali che in quelle di materiali e servizi.

Progettata da sette studi di architettura (Busby Perkins+Will, Hotson Bakker Boniface Haden, Hywel Jones Architect, Kasian Architecture, Stantec, Via Architecture e Walter Francl Architect), la Canada Line ha ottenuto la certificazione Leed e si integra nello scenario urbano attraverso un mix di architettura e infrastruttura che le è già valso un Gold Award dal Consiglio canadese per le partnership tra pubblico e privato.

Progettate per sostenere un traffico di oltre 100mila passeggeri al giorno, 10 corsie di transito per i treni, le stazioni sono tutte connotate da un design dinamico e avveniristico, caratterizzato da numerose variazioni di una palette di colori dal bianco al beige al blu e dai materiali naturali che evocano il cielo sottolineando i criteri di sostenibilità che caratterizzano l’intero progetto.

Strutture leggere rispondono metaforicamente alla velocità del movimento attraverso le curvature morbide dei tetti e delle controsoffittature enfatizzate dagli effetti di trasparenza dei tamponamenti vetrati da dove filtra la luce naturale. Anche i materiali impiegati sono in linea con la green ethic: cemento, acciaio, vetro, ceramica. Il progetto illuminotecnico è unificato per tutte le sedici stazioni. «Utilizzando apparecchi nascosti o comunque non messi in evidenza, abbiamo seguito criteri progettuali incentrati sulla qualità, sul risparmio della distribuzione della luce e sui valori di riflettenza delle finiture che hanno permesso di incrementare negli utenti la sensazione di sicurezza e facilità di movimento» spiega Galina Zbrizher, responsabile di Total Lighting Solutions, società autrice del master plan illuminotecnico della Canada Line, e lighting designer delle singole stazioni. Le nuove stazioni sono più luminose e fanno sentire più al sicuro. L’intero sistema di illuminazione, che non utilizza più di cinque tipi di lampade, oltre ai Led, e per la maggior parte a fonti fluorescenti lineari, crea un linguaggio di forte impatto grafico che “rende omogenee le stazioni, supporta l’orientamento dell’utente e consente di risparmiare 1,5 milioni kilowattora all’anno”.

Copyright © - Riproduzione riservata
25 minuti x 19 km Architetto.info