City&Brand Landscape Award 2017: i vincitori | Architetto.info

City&Brand Landscape Award 2017: i vincitori

Assegnati I premi del concorso Cnappc + Paysage dedicato all’architettura del paesaggio per la città e le realtà industriali

Il progetto “Into the Wild” di Open Fabric + Dmau, realizzato a L’Aja © Daryl Muvihill
Il progetto “Into the Wild” di Open Fabric + Dmau, realizzato a L’Aja © Daryl Muvihill
image_pdf

Sono stati assegnati i premi del “City&Brand Landscape Award 2017”, il concorso dedicato all’integrazione tra architettura del paesaggio e brand identity promosso da Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori e Paysage, in collaborazione con Triennale Milano.
Eccoli di seguito:

Il premio categoria “City Landscape: riqualificazione paesaggistica degli spazi urbani” 2017

Per la sezione architetti, pianificatori, paesaggisti, conservatori e ingegneri
Viene conferito a in situ con il progetto Rosa Luxemburg Garden
Con la motivazione: socialità e rigenerazione di spazi industriali dismessi sono qui messi in tensione tra loro costruendo uno spazio pubblico accogliente, vivace, anche attento agli aspetti ecologici. L’archeologia industriale e un frammento di paesaggio urbano si integrano con successo.
Menzione a PS Giardini in Transito con il progetto Giardino Comunitario Lea Giardino
Per la sezione professionisti, università, pubbliche amministrazioni, enti pubblici, associazioni e fondazioni
Viene conferito a Federica De Bernardi e Francesca Capellini con il progetto Wein Westbahnhof
Con la motivazione il progetto di tesi si rivolge al recupero di un’area ferroviaria dismessa nella città di Vienna, proponendo la realizzazione di un nuovo parco urbano la cui modellata topografia supera i dislivelli dedicati al gioco e alla socialità.

Premio categoria “City Landscape: riqualificazione paesaggistica dei territori di Frangia” 2017

Per la sezione architetti, pianificatori, paesaggisti, conservatori e ingegneri
Viene conferito a Ras Arquitectos con il progetto Atollo
Con la motivazione: la trama complessa dei percorsi si fa strada nell’aspro paesaggio mediterraneo della Spagna del Sud e si conclude librandosi nel morbido Mirador che riposta il viaggiatore sulla via della scoperta del paesaggio.
Menzione a BSM Studio con il progetto Tramore Valley Park.
Per la sezione professionisti, università, pubbliche amministrazioni, enti pubblici, associazioni e fondazioni
Viene conferito a Erika Mazza e Roberto Bonutto con il progetto Vallecas 2048
Con la motivazione: una strategia paesaggistica che tutela con l’uso dell’agricoltura il consumo di suolo per l’edificazione, creando una cintura agricola in un territorio di margine.
Menzione a Marco Nelli con il progetto Un parco lungo il tratto conclusivo del fiume Aniene (Roma)

Premio categoria “City Landscape: parchi, giardini, spazi verdi e di connessione nella città Densa” 2017

Per la sezione architetti, pianificatori, paesaggisti, conservatori e ingegneri
Viene conferito a Turf Design Studio & Environmental Partnership con il progetto Sidney Park
Con la motivazione: è l’acqua, filtrata e depurata da una serie di giardini umidi posti a quote diverse, il soggetto di questo parco. Situato in un’area industriale dismessa e inquinata, il parco è parte del Water Master Plan di Sydney che punta a ridurre il fabbisogno idrico della città. Il progetto celebra l’acqua come risorsa ma ne fa insieme la materia vibrante che anima gli spazi diversi che compongono l’area verde.
Menzione a Aldayjover Arquitecture & Landscape con il progetto Aranzadi Park
Menzione a Maria Cristina Tullio con il progetto Parco del Tevere a Magliana

Per la sezione professionisti, università, pubbliche amministrazioni, enti pubblici, associazioni e fondazioni
Viene conferito al Comune di Ravenna con il progetto del Piano del Verde.
Con la motivazione: Guida la trasformazione del paesaggio urbano alla realizzazione di numerosi parchi. Si integrano elementi caratterizzanti del paesaggio locale; acqua boschi, campagna con un approccio ecologico e paesaggistico insieme.
Menzione a Menzione al Laboratorio di Progettazione e Gestione del Verde Urbano dal tema “Connecting Fragments: progetti per l’asse delle arti e della musica, Roma”, Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio, Politecnico di Torino, Università di Torino, Università di Genova, Università di Milano, AA 2016/2017, in particolare agli studenti Alessandro D’Elia, Marco Comi, Silvia D’Amato, Adriano Fossati, Martina Maggioni con il loro progetto.

Premio categoria “Brand&Landscape: il progetto del paesaggio per i luoghi di produzione e per l’industria” 2017

Per la sezione architetti, pianificatori, paesaggisti, conservatori e ingegneri
Viene conferito a Alessio Princic con il progetto Villa Verde Hotel&Resort
Con la motivazione: la costruzione di un resort ai margini di un campo da golf è risolta tramite la rimodulazione topografica dello spazio dedicato inserendo l’edificio nel contesto, evidenziandone i margini e andando oltre il concetto di mimesi.
Menzione a Studio Balla-Calvagna con il progetto Natural Lodge

Per la sezione professionisti, università, pubbliche amministrazioni, enti pubblici, associazioni e fondazioni
Viene conferito al Aspro Studio con il progetto Parco Sociale Soligo.
Con la motivazione: innovativo intervento della Latteria Sociale, con cui viene rilanciato con le comunità locali il progetto di paesaggio, che nei 130 anni di storia produttiva ha trasformato le aree a ridosso del fiume. Una strategia di lavoro collettivo che integra aspetti ecologici e paesaggistici.

Premio categoria “City Play: aree gioco, spazi ludici e aree sportive nel paesaggio” 2017

Per la sezione architetti, pianificatori, paesaggisti, conservatori e ingegneri
Viene conferito a Open Fabric e DMAU con il progetto Into The Wild
Con la motivazione: un vuoto urbano, anonimo e severo, esplode in uno spazio pubblico giocoso, nelle forme, nelle scelte cromatiche e vegetazionali. Il progetto disegna una nuova topografia dedicata al gioco che coinvolge nel suo uso gli abitanti, definendo l’identità del quartiere stesso.
Menzione a Glada Berlin con il progetto Giardino Comunale di Moabit
Menzione a Lapo Ruffi e Angiola Mainolfi con il progetto Giardino Volante

Per la sezione professionisti, università, pubbliche amministrazioni, enti pubblici, associazioni e fondazioni
Viene conferito al Comune di Prato con il progetto Riversibility.
Con la motivazione: la riqualificazione delle sponde del Bisenzio è sviluppata con un approccio ecologico innovativo e creativo teso alla fruizione e all’uso ludico e sportivo che determina il coinvolgimento dei cittadini.

Leggi anche: João Nunes: Il paesaggio è una conseguenza della vita

Copyright © - Riproduzione riservata
City&Brand Landscape Award 2017: i vincitori Architetto.info