Il Cnappc sottoscrive l'appello per salvare la Cartiera Burgo di Mantova | Architetto.info

Il Cnappc sottoscrive l’appello per salvare la Cartiera Burgo di Mantova

wpid-2449_cartieraburgoa.jpg
image_pdf

Opera matura di Pier Luigi Nervi, la Cartiera Burgo di Mantova è uno dei più importanti edifici industriali del Novecento italiano, “un’icona dell’architettura industriale e risalta per la sua unicità funzionale, chiarezza statica e intraprendenza compositiva: una struttura singolare in grado di risolvere pienamente le esigenze di funzionalità della committenza con grande forza espressiva”.

Con queste parole Docomomo Italia, associazione volta a promuovere la documentazione e la tutela del patrimonio dell’architettura moderna in Italia, esprime viva preoccupazione per la decisione, presa dalla direzione centrale di Burgo Group, circa la cessazione dell’attività produttiva nello stabilimento di Mantova.

Insieme al Consiglio nazionale degli architetti pianificatori, paesaggisti e conservatori, hanno sottoscritto l’appello: Aaa-Italia – Associazione nazionale archivi architettura contemporanea; Associazione Pier Luigi Nervi Project; il Consiglio nazionale degli ingegneri; Italia Nostra – Mantova, Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico artistico e naturale della nazione.

Se analizzato all’interno dell’intera carriera nerviana, l’edifico progettato per il produttore piemontese di carta Burgo rappresenta un caso unico e singolare, diventando un’icona nella risoluzione di un problema funzionale complesso, ovvero quello di avere un unico ambiente lungo 250 metri, caratterizzato da una facciata libera di 160 metri, in cui collocare la macchina per la produzione della carta. Il risultato ottenuto è quello di un’architettura singolare in grado di risolvere pienamente le esigenze di funzionalità della committenza con un esito di grande forza che si staglia nettamente nel panorama padano circostante.

“Una testimonianza cosi importante dell’eccellenza architettonica e industriale italiana non può essere lasciata morire – recita l’appello -.Auspichiamo nel migliore dei casi una veloce riattivazione oppure una necessaria riconversione, da attuare con tempi che non permettano il degrado della struttura, ma anzi siano addirittura portatori di un accurato restauro e valorizzazione. Ci appelliamo all’Unione europea, allo Stato italiano, alla Regione Lombardia, alla Città di Mantova perché si assista l’azienda per trovare rapidamente una soluzione efficace alla grave situazione attuale”.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Il Cnappc sottoscrive l’appello per salvare la Cartiera Burgo di Mantova Architetto.info