L'Orto Botanico di Padova scommette sull'interattivita' | Architetto.info

L’Orto Botanico di Padova scommette sull’interattivita’

wpid-2903_costruisciiltuoortopadova.jpg
image_pdf

Nominato patrimonio mondiale Unesco, l’Orto Botanico di Padova negli ultimi mesi è andato incontro a un importante lavoro di ristrutturazione e ampliamento, coinciso con un processo di modernizzazione che ne ha adeguato l’approccio ai linguaggi della contemporaneaità pur mantenendo elevato il focus sul suo valore storico-culturale.

Tra le novità introdotte si collocano tre nuove installazioni a fini didattici, che esplorano i temi della vegetazione, delle colture e della biodiversità grazie a interfacce colorate e intuitive, facili e divertenti da esplorare.

Le installazioni sono curate dallo studio dotdotdot, composto da Laura Dellamotta, Giovanna Gardi, Alessandro Masserdoti e Fabrizio Pignoloni, un team di progettazione multidisciplinare che fonde l’architettura, l’allestimento, il design con l’interaction design e l’innovazione tecnologica.

La prima, dedicata ai “lunghi viaggi delle piante”, è un invito a interagire con un sistema scenografico e dinamico alla scoperta delle specie vegetali utilizzate in ambito alimentare. I contenuti – provenienza geografica, storia, cultura, valori nutrizionali – sono tradotti visivamente attraverso una ricetta, in grado di sviscerarne le diverse caratteristiche. Un grande pannello infografico rappresenta un planisfero che fornisce alcune informazioni immediate riguardanti il legame tra specie vegetali, gastronomia, territorio.

In sovrapposizione al pannello, su un sistema di assi cartesiani, un piccolo display si muove come un cursore meccanico, approfondendo le informazioni grafiche che incontra nel suo percorso. Collocato a lato della mappa, un monitor touch diviene la consolle di azionamento del sistema e il dispositivo di visualizzazione dei contenuti. In modalità standby, quando nessuna persona interagisce con l’installazione, il sistema si aziona in modo randomico.

Un paesaggio onirico composto da alberi e arbusti caratterizza la seconda installazione, intitolata “Le piante intorno a noi”. Si tratta di un sistema intuitivo e coinvolgente per scoprire le caratteristiche di 30 piante: estraendo da una consolle una scheda arborea si evidenzia la sagoma della pianta selezionata sui monitor frontali. Qui vengono quindi evidenziate le proprietà, le tradizioni e gli utilizzi che ne fa l’uomo, dall’architettura, alla medicina, alla cucina.

La terza e ultima installazione – “Costruisci il tuo orto planetario” – utilizza lo stesso impianto tecnologico della prima con contenuti informativi e dinamiche interattive differenti. L’obiettivo è realizzare il proprio orto personale. L’installazione combina i diversi parametri selezionati dal pubblico – condizioni climatiche, sementi e vegetali desiderati –, dando vita a un viaggio, molto concreto, di interazione e di scoperta. In modalità standby il sistema si aziona in modo randomico visualizzando a monitor le molteplici combinazioni.

Copyright © - Riproduzione riservata
L’Orto Botanico di Padova scommette sull’interattivita’ Architetto.info