Biennale "Barbara Cappochin": un ciclo di conferenze sugli eco-quartieri | Architetto.info

Biennale “Barbara Cappochin”: un ciclo di conferenze sugli eco-quartieri

wpid-20772_Malmo.jpg
image_pdf

Dedicate agli eco-quartieri, prendono il via domani 10 gennaio 2014 le conferenze internazionali con le quali la Biennale internazionale di Architettura “Barbara Cappochin” intende farsi promotrice di un dibattito sul valore sociale dell’architettura, intesa come valore imprescindibile per promuovere la qualità delle nostre città e dell’habitat.

La Biennale, giunta alla sua sesta edizione, è promossa dall’omonima Fondazione e dall’Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Padova, insieme al Comune di Padova, e realizzata in collaborazione con la Regione del Veneto, il Consiglio nazionale degli architetti e l’Unione internazionale degli architetti.

Ufficialmente ha preso il via lo scorso 26 ottobre con la cerimonia di premiazione dei vincitori del “Premio internazionale di architettura” e con la tradizionale inaugurazione a Padova, del “Tavolo dell’architettura”, progettato quest’anno dall’architetto e senatore a vita, Renzo Piano.

Ad aprire il ciclo delle cinque conferenze internazionali organizzate in sinergia con il Cnappc, sarà l’incontro che verterà sull’esperienza degli eco-quartieri di Bo01 a Malmö in Svezia e di Ørestad a Copenhagen che, attraverso scelte coraggiose ed innovative, hanno realizzato un salto di qualità sotto il profilo della sostenibilità non solo urbanistica ed architettonica, ma anche sociale ed economica, puntando su un  dialogo intenso tra società, politica e imprenditori.

“L’obiettivo è quello di formulare, facendo tesoro di modelli e di esperienze virtuose, proposte concrete per un approccio integrato finalizzato allo sviluppo sostenibile anche nel nostro Paese, considerata la comprovata insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo”, sottolinea Giuseppe Cappochin, Presidente della Fondazione Barbara Cappochin e Presidente dell’Ordine degli architetti della Provincia di Padova.

Per il presidente degli architetti italiani Leopoldo Freyrie, “la strada da perseguire per fare fronte ad una vera e propria sfida culturale verso un modello di sviluppo fondato su una maggiore consapevolezza e sensibilità ambientali dalle quali non possiamo più prescindere, è quella di mettere in atto politiche urbane all’insegna della sostenibilità, agganciare lo sviluppo attraverso la ripresa dell’edilizia, realizzare, con “Riuso”, il programma per la rigenerazione urbana sostenibile, lanciato dal Consiglio nazionale degli architetti, una strategia di valorizzazione del territorio unitaria e complessiva”.

A conclusione delle cinque conferenze internazionali si svolgerà a Padova, il 14 e 15 marzo 2014, la conferenza degli Ordini degli architetti italiani dedicata  al tema degli eco-quartieri e a “Riuso” che, secondo gli architetti italiani, deve diventare “un Programma nazionale che Governo e Parlamento devono fare propri affinché rappresenti una delle scelte politiche fondamentali del Paese”.

Sempre il 15 marzo prossimo la Biennale internazionale di Architettura Barbara Cappochin vivrà un altro importante momento con una giornata tutta dedicata a Renzo Piano. Alle 18, verrà infatti inaugurata la mostra, ospitata nel Palazzo della Ragione, “Renzo Piano building workshop – Pezzo per pezzo” che rimarrà aperta al pubblico fino al successivo 15 luglio. Nella stessa giornata, alle ore 15.30, nell’aula Magna Galileo Galilei dell’Università di Padova, l’architetto genovese terrà una Lectio magistralis.

Copyright © - Riproduzione riservata
Biennale “Barbara Cappochin”: un ciclo di conferenze sugli eco-quartieri Architetto.info