Cer-Sea: le spiagge italiane al Cersaie 2014 | Architetto.info

Cer-Sea: le spiagge italiane al Cersaie 2014

wpid-4425_CERSEAplanfotohigh.jpg
image_pdf

Dopo il successo dello scorso anno con la mostra Aggregàti, Davide Vercelli torna a Cersaie 2014 con Cer-Sea, il progetto firmato con Angelo Dall’Aglio che porterà le spiagge italiane per la prima volta alla grande fiera della Ceramica per l’architettura e l’arredobagno. Perché i nostri litorali, come il design, rappresentano una delle più grandi risorse ambientali ed economiche per l’Italia, e allora perché non farli vivere anche nelle stagioni considerate fino ad oggi poco adatte?

Per la mostra Cer-Sea, promossa da Edi.Cer., BolognaFiere e Promos, Vercelli e Dall’Aglio hanno immaginato una grande spiaggia nella doppia versione estiva e invernale. Sul set di 1.200 metri quadri si vivrà quindi l’esperienza di un litorale multistagionale: da un lato il piacevole sfondo naturale per i momenti estivi del relax, dall’altro lo scenario emozionante di attività commerciali e culturali emigrate in inverno dalla città alla spiaggia. La bellezza dell’ambiente naturale aggiungerebbe inevitabilmente valore a librerie, spa, palestre, negozi di moda e potrebbe stimolare l’economia di territori che vivono una limitata stagionalità, sul modello di altri paesi.

Elemento chiave nel concept e nell’allestimento del progetto Cer-Sea è il design: accanto a costruzioni leggere, pensate per una armoniosa integrazione con l’habitat naturale, ci saranno arredi pensati per amplificare la piacevolezza della vita in spiaggia, creati con materiali resistenti alla salsedine e a bassa manutenzione, allestiti su pavimentazioni flottanti. L’intento dei progettisti è di immaginare una riqualificazione a basso impatto dei nostri arenili, senza opere edili permanenti, rispettando il paesaggio e usando il mare come quinta naturale, come nei teatri romani.

Cer-Sea prefigura oggi le spiagge del domani. Come spiega Davide Vercelli, “è una mostra visionaria che nasce da una considerazione: a breve entrerà in vigore la direttiva 2006/123/Ce sulle concessioni demaniali, più nota come direttiva Bolkestein, e gli operatori locali per ottimizzare gli investimenti passati dovranno necessariamente ripensare la gestione degli stabilimenti, ridisegnando il futuro delle attività commerciali da spiaggia”.

Angelo Dall’Aglio aggiunge che “la mostra affronta un tema di grande importanza per l’economia nazionale. Questo settore sviluppa in Italia un giro d’affari stimato almeno in 2 miliardi di euro l’anno, coinvolge circa 32mila imprese balneari distribuite sui 7.800 chilometri di coste che ci rendono il 15esimo Paese al mondo per estensione litoranea, assicura 200.000 posti di lavoro, senza contare quelli legati alle 47.000 strutture ricettive presenti nelle località marittime, e naturalmente costituisce un’importante vetrina internazionale per il design e l’italian life style”.

Cer-Sea coinvolgerà perciò numerosi designer e aziende che operano nei settori più rappresentativi dell’italian style e aziende ceramiche fra cui Geberit, Scarabeo Ceramiche, Glass Idromassaggio, Oikos, Julia Marmi, Technogym, Vitra, Wall&Decò, Myyour, Foscarini, Focus. La mostra si svolgerà dal 22 al 26 settembre prossimi a Bologna e per visitarla sarà possibile richiedere il biglietto gratuito attraverso il sito di Cersaie.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Cer-Sea: le spiagge italiane al Cersaie 2014 Architetto.info