Compasso d'Oro, qui i vincitori | Architetto.info

Compasso d’Oro, qui i vincitori

wpid-4418_Adihp.jpg
image_pdf

Spazia dal design all’architettura, passando per la tecnologia il più prestigioso premio internazionale nel campo della progettazione, il Compasso d’Oro Adi. Nell’ambito del programma “Design è”, promosso dalla Regione Lombardia, lo scorso 28 maggio sono stati consegnati i premi ai vincitori di questa 23ma edizione nella cornice dell’ex Ansaldo di Milano. Alla cerimonia hanno partecipato Luisa Bocchietto, presidente uscente di Adi e il neoeletto presidente Luciano Galimberti, con l’assessore regionale Mauro Parolini, l’assessore comunale Cristina Tajani e Vittorio Livi per FederlegnoArredo. Presentiamo qui di seguito tutti i vincitori del 23mo Compasso d’Oro con alcune immagini e le motivazioni della giuria che si possono leggere sul sito dell’Adi.

La 1199 Panigale disegnata da Gianandrea Fabbro per il Ducati Design Center e prodotta dalla Ducati Motor Holding. La moto ha vinto il Compasso d’Oro per aver trasferito prestazioni agonistiche in un prodotto di serie raffinato e coerente con l’immagine tradizionale del marchio.



Bellevue, il freezer progettato dal designer Marc Sadler e prodotto da Ifi, ha vinto il premio Compasso d’Oro per aver creato un prodotto facile da usare e da pulire, che conserva nel modo migliore il gelato, il cui design minimale mette in evidenza la valenza estetica del prodotto che contiene.


S’ispira alle bitte nautiche la lampada da esterni a Led Bitta, disegnata da Enzo Berti e prodotta da Torremato – Il Fanale Group. Le è stato assegnato il Compasso d’Oro per aver aggiunto funzionalità a un oggetto tradizionale e simbolico, rinnovandolo in modo discreto.

Counterbalance è la lampada del designer Daniel Rybakken, prodotta da Luceplan, premiata con il Compasso d’Oro per aver dato una soluzione poetica a un problema statico e meccanico.

E’ firmato dal designer Fabrizio Giugiaro per Giugiaro Design il trattore Deutz-Fahr 7250 TTV Agrotron, prodotto da Same Deutz-Fahr, Compasso d’Oro per aver caricato di espressività uno strumento di lavoro, risolvendone contemporaneamente anche gli aspetti ergonomici e funzionali. 

Disegnata e prodotta da Gsg International, la finestra Essenza, premio Compasso d’Oro per aver integrato in modo sobrio la finestra nella facciata architettonica. 

La F12 berlinetta, disegnata da Flavio Manzoni per il Centro Stile Ferrari Pininfarina e prodotta da Ferrari ha vinto il Compasso d’Oro per la forma filante, la cui aerodinamica ottimizza le prestazioni della vettura.

“Futuro Artigiano. L’innovazione nelle mani degli italiani” è il volume scritto da Stefano Micelli e edito da Marsilio, premiato con il Compasso d’Oro per aver fornito ragioni economiche e pratiche per rivalutare l’artigianato industriale italiano in un’ottica non nostalgica ma proiettata verso il futuro. 

IN-EI è la lampada disegnata da Issey Miyake e prodotta da Artemide, Compasso d’Oro per aver mescolato tradizione e modernità in un oggetto essenziale, tecnologicamente avanzato ma allo stesso tempo poetico.

Compasso d’Oro per la capacità di sintetizzare argomenti culturalmente elevati con leggerezza, illustrandoli con una forte identità visiva e qualità del prodotto editoriale è il progetto editoriale Inventario, diretto da Beppe Finessi, con Artemio Croatto come art director e promosso e sostenuto da Foscarini per Corraini Edizioni.

Disegnata da Lissoni Associati e prodotta da Lualdi è la porta L16 che si è aggiudicata il Compasso d’Oro per aver dato valenza architettonica a un elemento d’arredo, rendendolo sorprendentemente leggero.


Masterlite, gli scarponi da sci firmati da MM Design e prodotti dal brand Garmont, hanno vinto il Compasso d’Oro per aver trasformato con eleganza la funzione strutturale in decoro.

Il designer Davide Groppi ha vinto il Compasso d’Oro con Nulla, per aver progettato la luce e non una lampada.

Sampei è la lampada progettata sempre da Davide Groppi, questa volta in collaborazione con il designer Enzo Calabrese, vincitrice del Compasso d’Oro per la sua capacità di essere una lampada allo stesso tempo a sospensione e da terra. 

Sfera è la linea di chiusini e caditoie firmata dai designer Giulio Iacchetti e Matteo Ragni, vincitori del Compasso d’Oro per aver interpretato in modo espressivo e ironico un elemento funzionale dell’arredamento urbano. La linea è prodotta da Montini.

Firmato da Migliore+Servetto Architetti Associati e prodotto da BTicino è il progetto Slim and White Axolute Code. Migliore e Servetto hanno ricevuto il Compasso d’Oro per aver realizzato un paesaggio poetico con mezzi semplici ispirati a un prodotto tecnico.

Il Compasso d’Oro per aver interpretato in modo ironico e giocoso un oggetto quotidiano è andato al designer Thomas Heatherwick, che ha firmato la poltrona Spun, prodotta da Magis.

Takaje Vacuum Seal è il sistema di chiusura sottovuoto prodotto da Facem Tre Spade e realizzato da Adriano Design, premiato con il Compasso d’Oro per aver offerto un soluzione pratica per il riutilizzo di un oggetto quotidiano arricchendone la funzione.

La Travel Air Jacket dei designer Marco Broglia e Renzo Pigliapoco e prodotta da Uno61 si è aggiudicata il Compasso d’Oro per aver utilizzato tecnologie provenienti dal mondo del soccorso d’emergenza in un capo di moda.

Il sistema di tavolo e sedie Venticinque prodotto da Desalto e firmato dai designer Fattorini+Rizzini+Partners ha, infine, vinto il Compasso d’Oro per l’effetto di stupore che suscita la sua esilità in rapporto alle dimensioni. 

Della giuria internazionale, presieduta da Anders Byriel, Ceo del brand danese Kvadrat, era formata da Vivian Cheng, designer e direttore del Design Center di Hong Kong, Stefan Diez, designer tedesco, dal designer italiano Giorgio De Ferrari, Mario Gagnon, designer di Aalto Studio in Canada, Defne Koz, designer turca, Paolo Lomazzi, designer italiano e dalla giornalista italiana Laura Traldi. La giuria ha infine assegnato 90 Menzioni d’onore e i premi alla carriera a Giorgio Armani, Riccardo Dalisi, Bruno Danese, Puccio Duni, Italo Lupi e Alessandro Mendini.


{GALLERY}


Copyright © - Riproduzione riservata
Compasso d’Oro, qui i vincitori Architetto.info