Da Lampedusa lanciati quattro premi per gli architetti italiani | Architetto.info

Da Lampedusa lanciati quattro premi per gli architetti italiani

wpid-23563_Lampedusaisland.jpg
image_pdf

Sarà una giuria presieduta dall’architetto Mario Cucinella ad attribuire i premi “Architetto italiano 2014”, “Giovane talento dell’architettura italiana 2014”, “Premio Raffaele Sirica 2014-Start up giovani professionisti”, banditi dal Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, in occasione della seconda edizione della “Festa dell’Architetto” che si è svolta dal 9 al 14 giugno a Lampedusa.

Obiettivo dei tre premi è quello di valorizzare la cultura del progetto nella sua più elevata dimensione civile e professionale. Il Premio Architetto italiano 2014 intende, infatti, selezionare una serie di professionisti e di opere contraddistinte da elevata qualità – e che abbiano il fine di salvaguardare e di valorizzare la cultura, il territorio italiano e l’innovazione architettonica -; quello dedicato al Giovane talento dell’architettura 2014 intende promuovere l’eccellenza dei giovani progettisti under 40, in Italia e all’estero, che si siano distinti per la promozione e la diffusione della cultura architettonica; il Premio Sirica 2014-Start up giovani professionisti vuole essere un trampolino di lancio per gli architetti under 30 la cui attività si sia caratterizzata per l’originalità e per l’attenzione all’ innovazione, mettendo al centro il progetto di architettura.

La giuria dei tre premi, il cui bando sarà disponibile on line a partire dal 1° luglio 2014 sui siti www.awn.it e www.festadellarchitetto.awn.it, è composta da Francesco Barozzi (vincitore Premio giovane talento dell’architettura italiana 2013), Nicola Di Battista (direttore Domus), Francesco FresaPiuarch (vincitore Premio Architetto italiano 2014), Leopoldo Freyrie (presidente del Consiglio nazionale degli architetti), Luciana Ravanel (AntePrima Consultants) e da un rappresentante della Conferenza degli Ordini degli architetti ppc. La segreteria organizzativa del Premio sarà coordinata dall’architetto Simone Cola (presidente del Dipartimento cultura, promozione e comunicazione del Consiglio nazionale degli architetti).

Sarà possibile presentare le candidature e le autocandidature tra il 1° luglio e il 30 settembre 2014. I vincitori saranno premiati nel corso di una cerimonia che si terrà presso il Maxxi di Roma nel mese di dicembre.

Da Lampedusa il Cnappc ha lanciato anche la terza edizione del Premio Riuso. L’identificazione delle politiche di rigenerazione urbana sostenibile rappresenta, infatti, per gli architetti italiani un’occasione per stimolare concretamente la riqualificazione – architettonica, ambientale, energetica e sociale – delle città italiane.

Il premio seleziona progetti e realizzazioni che riguardino la rigenerazione sostenibile della città intesa nella sua accezione più ampia: la riqualificazione architettonica e funzionale degli spazi urbani, il recupero di aree industriali dismesse; il riciclo dei materiali all’interno dei processi edilizi; la valorizzazione di tecnologie per la sostenibilità; il contenimento del consumo del suolo; la densificazione della città; le nuove forme dell’abitare, la mobilità sostenibile; il retrofit energetico; il design per tutti; le smart city. Patrocinato, tra gli altri, da Ance, Legambiente e Anci, Riuso 3 è promosso insieme a Saie 2014 Built Environment Exhibition. La premiazione avverrà durante lo svolgimento del salone fieristico, a Bologna, nel mese di ottobre.

Copyright © - Riproduzione riservata
Da Lampedusa lanciati quattro premi per gli architetti italiani Architetto.info