DALL'INTUIZIONE ALL'INVENZIONE | Architetto.info

DALL'INTUIZIONE ALL'INVENZIONE

wpid-4189_hhhhdgommv.jpg
image_pdf

La trasversalità viene indicata come il principale agente della creatività del terzo millennio. Trasversalità come nozione strettamente collegata a quella di “transfert”, ovvero di slittamento di idee e spunti in senso orizzontale.

In molti casi l’identificazione di un nuovo artefatto può anche accadere come fatto improvviso, come deviazione da un percorso tipologico ben tracciato. Più precisamente, un’invenzione tecnica, un materiale o un’intuizione estetica possono rivelare un’improvvisa capacità sovversiva.

Oggi il progetto nasce da una condizione di avvicinamento di un “qualcosa” già presente nella realtà. Più operativamente, il designer riconosce in quel “qualcosa” un potenziale eversivo insospettato, in grado di aprire improvvisamente una nuova strada o un nuovo orizzonte.

Nella nostra civiltà complessa i modi in cui la materia progettuale si muove sono molto più numerosi di quanto ci si possa aspettare: lavorazioni, tecnologie produttive tradizionali o innovative, materiali, suggestioni formali allo stato puro, ma anche comportamenti allo stato latente.

Oggi l’inventiva rende sempre più sfumata la categoria dell’invenzione, che non è più un principio puro, assoluto e tecnico, ma si confronta con una contingenza assai contaminata. Ne discende che il concetto di innovazione si dispiega in direzioni diverse e disparate.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
DALL'INTUIZIONE ALL'INVENZIONE Architetto.info