Emilio Cavallini. Trasfigurazione | Architetto.info

Emilio Cavallini. Trasfigurazione

wpid-56_.jpg
image_pdf

Un percorso suggestivo, fatto di opere che coprono l’intera vicenda creativa di Cappellini dal 1980 ad oggi, che avrà come punto centrale un’installazione che il pubblico potrà ammirare nel suo divenire. L’artista inizierà infatti a costruirla alcuni giorni prima dell’inaugurazione e la completerà durante il periodo di apertura.

La mostra di Emilio Cavallini, dal titolo Trasfigurazione, è un viaggio nel suo universo creativo che, ispirandosi al Modulo di Le Corbusier, ovvero scegliendo una scala di grandezza che deriva dall’antica sezione aurea e che utilizza le proporzioni del corpo umano, renda l’arte a “misura d’uomo”.

Sopra una piattaforma quadrata di 4 metri per 4 viene montata una struttura in plexiglass alta 2,31 – afferma Cavallini spiegando il suo approccio all’installazione -.  L’altezza è stata calcolata sullo schema de Le Modulor di Le Corbusier, come misura derivante da proporzioni geometriche e matematiche relative al corpo umano. In questo caso la mia altezza di 180 cm più lo spazio occupato dal mio braccio posto verso l’alto”.

“Unirei le pareti del parallelepipedo con tanti fili di colore grigio, matematicamente calcolati – continua Cappellini – in modo da lasciare un vuoto all’interno, una nicchia che possa contenere la dimensione umana. Ottengo una stanza immaginaria il cui spazio viene frazionato da migliaia di fili che lasciano al centro solo la mia persona. Una costruzione che nasce da una riflessione su quanto visto e vissuto non solo nell’arte ma nel quotidiano e nella natura, insieme con lo studio della matematica e i principi dell’architettura”.

L’idea dell’artista è che questo cubo reticolato indichi un percorso esistenziale senza limiti, dove è possibile fare tutto ma è necessario sapere la strada che si deve fare. Il filo rappresenta la strada, la lunghezza infinita, è il percorso necessario per realizzare il sogno di una vita.

In occasione della mostra in Triennale, Skira pubblica il volume Emilio Cavallini a cura di Benedetta Barzini con testi di Laura Cherubini, Silvia Pegoraro, Yuri Primarosa e Sergio Risaliti.

di O.O.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Emilio Cavallini. Trasfigurazione Architetto.info