A Milano due volte Kapoor | Architetto.info

A Milano due volte Kapoor

wpid-2227_anishkapoormilano.jpg
image_pdf

Due appuntamenti d’eccezione a Milano, uno alla Rotonda della Besana e uno alla Fabbrica del vapore, dedicate interamente al grande scultore e architetto indiano Anish Kapoor.

Alla Fabbrica del Vapore l’installazione site-specific “Dirty Corner” riempirà totalmente (fino al 9 ottobre) lo spazio della Cattedrale, una struttura in acciaio lunga 60 metri e alta 8 con un ingresso a calice per permettere ai visitatori di entrarci e che verrà progressivamente ricoperta all’esterno da una montagna di terra rossa.

Alla Rotonda della Besana invece saranno esposte, fino all’8 gennaio 2010, un gruppo di sette opere dell’artista realizzate negli ultimi dieci anni e per la prima volta in Italia, tra le quali vale la pena citare My Red Homeland, del 2003, formata da cera rossa disposta in un immenso contenitore circolare. Un braccio meccanico spinge e schiaccia la cera, in un lento e silenzioso atto infinito di creazione e distruzione. Si tratta di sculture prevalentemente in metallo o cera – quest’ultima sempre con la caratteristica tonalità di “rosso Kapoor” – capaci di integrarsi nello spazio espositivo sino a diventare un tutt’uno con esso.

A.U.

Copyright © - Riproduzione riservata
A Milano due volte Kapoor Architetto.info