Andy Warhol. I want to be a machine | Architetto.info

Andy Warhol. I want to be a machine

wpid-2705_nuovissimawarhol.jpg
image_pdf

Nella cornice suggestiva del Castello Aragonese di Otranto (Lecce), che ha già accolto le mostre di Joan Mirò, Pablo Picasso e Salvador Dalì, dal 27 maggio al 30 settembre 2012 verranno ospitate le opere di Andy Warhol, il principe della pop art americana.

Andy Warhol. I want to be a machine”, a cura di Gianni Mercurio, apre la quarta stagione artistica del Castello di Otranto, contenitore culturale gestito dall’Agenzia di Comunicazione Orione di Maglie e dalla Società Cooperativa Sistema Museo di Perugia, con la direzione dell’architetto Raffaela Zizzari.

La mostra, attraverso circa cinquanta opere provenienti da collezioni private italiane e prodotte da Andy Warhol con la tecnica meccanica della serigrafia, presenta i temi fondanti dell’estetica dell’artista statunitense scomparso nel 1987: mito bellezza-successo (Marilyn), consumismo (Campbell’s Soup), simboli tragici (Electric Chair). Inoltre, saranno esposte opere significative come la serie dei Flowers, il Vesuvio (realizzato in occasione del suo soggiorno napoletano grazie al gallerista Lucio Amelio), i simboli del potere (Falce e Martello, Dollar Sign) e altre ancora. Parallelamente alla mostra, Summer Pop. Omaggio a Andy Warhol offre un cartellone di eventi collaterali.

V.R.

Copyright © - Riproduzione riservata
Andy Warhol. I want to be a machine Architetto.info