Biennale architettura 2018: la Cappella per la Santa Sede firmata Fujimori | Architetto.info

Biennale di Venezia 2018, la Vatican Chapel di LignoAlp

La Santa Sede partecipa per la prima volta alla Mostra Internazionale di architettura di Venezia: in laguna torna dopo 12 anni l'architetto Teronobu Fujimori

Immagine dall'alto della Laguna di Venezia per identificare l'isola di San Giorgio dove saranno ospitate le 10 Vatican Chapels (Fonte immagini https://www.lignoalp.it/news/lignoalp-la- biennale-venezia-
2018/)
Immagine dall'alto della Laguna di Venezia per identificare l'isola di San Giorgio dove saranno ospitate le 10 Vatican Chapels (Fonte immagini https://www.lignoalp.it/news/lignoalp-la- biennale-venezia- 2018/)
image_pdf

Tra il 26 maggio e il 25 novembre 2018 la XVI Mostra Internazionale di architettura alla Biennale di Venezia decreterà il suo omaggio al tema Freespace. Ed in uno spazio alternativo ai grandi flussi turistici della città lagunare, sarà possibile visitare il Padiglione della Santa Sede, che partecipa per la prima volta alla Biennale, denominato ‘Vatican Chapels’ e consistente in dieci cappelle concepite ciascuna da un architetto diverso. Una di queste cappelle sarà realizzata da LignoAlp, azienda nota per la produzione e ingegnerizzazione di strutture in legno con elevati standard qualitativi, che ha accettato di buon grado l’invito a dare il proprio contributo all’installazione delle Chapels curata da Francesco dal Co e coordinata dal Pontificio Consiglio della Cultura.
Le Vatican Chapels fanno capo ad un unico obiettivo: offrire ai visitatori un percorso di meditazione e ricerca spirituale riprendendo il concept della ‘cappella nel bosco’ di Gunnar Asplund sviluppato nel 1920 per il cimitero di
Stoccolma. Infatti, ad aprire la strada verso le dieci opere, ci sarà l’Asplund Pavilion, che ospiterà al suo interno disegni e plastici dedicati all’architetto svedese.

Biennale: la cappella per la Santa Sede di LignoAlp su progetto di Teronobu Fujimori

LignoAlp, marchio della società Damiani-Holz&amp&Co, con sede a Bressanone, Bolzano, si occuperà quindi di realizzare una delle dieci cappelle del Padiglione del Vaticano alle quali farà da sfondo il verde rigoglioso dell’Isola di San Giorgio Maggiore. L’intervento sarà per molti versi una sfida: si tratterà, infatti, di rendere vivi i disegni

dell’architetto visionario giapponese Teronobu Fujimori, autore di eccentriche produzioni artistiche e architettoniche, conosciuto in Occidente soprattutto per la sua partecipazione alla Biennale di Venezia del 2006 con le Chashitsu, le tradizionali camere da tè giapponesi.
Fujimori, con le sue opere estremamente ecologiche, desidera comunicare con la natura imitandone le forme e utilizzando i materiali ad essa più affini, ma al contempo propone idee antimoderniste, quasi surreali, che cercano diaffermare una propria precisa identità (basti pensare alle case separate dal terreno tramite sottili palafitte, funi o tralicci, e rivestite con cedro bruciato e corteccia).
La LignoAlp avrà il compito di ingegnerizzare le visioni oniriche dell’artista giapponese attraverso calcoli statici, soluzioni tecniche e fisiche ad hoc, taglio e prefabbricazione dei componenti.

La speciale collaborazione tra LignoAlp e Fujimori porterà alla costruzione di una cappella perfettamente inserita nel suggestivo contesto naturale dell’isola di San Giorgio Maggiore, la location scelta per le Vatican Chapels, che saranno
firmate, tra gli altri, anche da Eva Prats & Ricardo Flores, Norman Foster ed Eduardo Souto de Moura.

biennale-LignoAlp-cappella-alto

Il posizionamento nell’isola di San Giorgio per la Biennale di Venezia 2018

Gli schizzi di Teronobu Fujimori per la Biennale di Venezia rivelano una cappella dalla classica forma a capanna su pianta rettangolare con elementi strutturali che possono dare l’idea di un’opera semplice, facile da costruire. In realtà, il lavoro di armonizzazione della cappella con l’intorno alberato richiederà un attento e
approfondito studio del contesto circostante, come nel caso del Monastero delle Clarisse in Puglia, anch’esso prefabbricato: un’impresa non semplice ma il cui risultato sarà oltre ogni dubbio straordinario.

Gli schizzi del progetto LignoAlp

Gli schizzi del progetto LignoAlp

Quella di LignoAlp è solo una delle cappelle che sarà realizzata per la Biennale di Venezia 2018: ecco come sarà lo spazio Asplund, il primo del ciclo da 10 delle Vatican Chapels.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Biennale di Venezia 2018, la Vatican Chapel di LignoAlp Architetto.info