Da Kengo Kuma alla didattica innovativa: arriva MantovArchitettura 2018 | Architetto.info

Da Kengo Kuma alla didattica innovativa: arriva MantovArchitettura 2018

Al via la quinta edizione di MantovArchitettura: dall’8 al 31 maggio 2018 i monumenti storici di Mantova, Parma, Sabbioneta e Verona ospiteranno lezioni aperte di noti nomi dell'architettura, fra questi anche Kengo Kuma

image_pdf

Il festival internazionale di architettura MantovArchitettura è un evento organizzato con cadenza annuale dal Polo Territoriale di Mantova del Politecnico di Milano, nell’ambito delle attività della Cattedra Unesco in “Pianificazione e tutela architettonica nelle città patrimonio mondiale dell’umanità”, durante il quale si susseguono mostre, lezioni, seminari e conferenze all’interno degli edifici monumentali di Mantova, trasformandola per quattro settimane capitale dell’architettura.

Nato nel 2014 da una serie di incontri con maestri dell’architettura contemporanea, il festival edizione 2018, come ogni anno a maggio, si arricchisce di nuove iniziative. Quest’anno l’introduzione di un progetto di didattica innovativa permetterà agli studenti di conoscere ed esplorare nuovi approcci teorici e nuovi metodi di progettazione. Infatti i grandi ospiti di MantovArchitettura valuteranno i lavori degli studenti del corso di Laurea Magistrale del Polo territoriale di Mantova del Politecnico di Milano Architectural Design and History, nella veste di visiting critics, nell’ambito del Final Workshop “Antico e Nuovo” del percorso Architectural Design in Historical Context.

Per tutti MantovArchitettura si snoderà, a partire dalla lezione di Kengo Kuma il 9 maggio alle 16.30 al Teatro Bibiena, tra mostre, convegni, conferenze di noti architetti internazionali e laboratori, 40 iniziative che si svolgeranno in diverse prestigiose location.

Tre mostre per l’edizione 2018

Si parte l’8 maggio alle 18.00 con l’inaugurazione della mostra Mantova Imago Urbis a Palazzo Ducale, 100 immagini selezionate da Marco Introni e Luigi Spinelli per raccontare la città.

Il 9 maggio alle 18.30 inaugura a Casa del Mantegna la mostra Josef Frank interprete di Leon Battista Alberti, curata da Caterina Cardamone e Francesco Dal Co.

E dall’11 maggio in mostra al Museo Archeologico Il Cantiere della Metropolitana di Napoli, a cura di Luigi Fregonese. In questa occasione in loco aprirà al pubblico il nuovo allestimento del Monumento Sarsinate, a cura di Massimo Ferrari e Claudia Tinazzi.

Le conferenze vedranno protagonisti i più importanti esponenti della cultura   architettonica   internazionale   confrontarsi   tra   loro e   con il pubblico:

  • a Mantova
    Dopo Kengo Kuma il festival prosegue l’11 maggio alle 10.30 con João Luís Carrilho da Graça e Eduardo Souto de Moura in un confronto sulle architetture di Lisbona. Sarà poi la volta di Stefano Boeri il 17 maggio alle 18.30. Seguiranno il 22 maggio al tempio di San Sebastiano l’intervento di Andrew Berman alle 18.00 preceduto alle 14.30 da João Mendes Ribeiro. Ancora da non perdere l’incontro con Metro Arquitetos alle 11.00 e con Javier Corvalàn alle 18.00, previsti entrambi il 29 maggio al Tempio di San Sebastiano.
  • A Verona
    Tre sabati, il 12, 19 e 26 maggio, al Museo di Castelvecchio, capolavoro di Carlo Scarpa, con Eduardo Souto de Moura, Guido Canali, ed Elías Torres, che illustreranno i propri progetti di musei e allestimenti.
  • A Sabbioneta
    Il 16 maggio alle 15.00 “in scena” al Teatro all’Antica un confronto sull’Architettura Italiana con Francesco Cellini, Andrea Ponsi, Gianmatteo Romegialli e Paolo Zermani.

Qui tutti gli appuntamenti di MantovArchitettura 2018.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Da Kengo Kuma alla didattica innovativa: arriva MantovArchitettura 2018 Architetto.info