Ecomondo 2015 apre i battenti domani | Architetto.info

Ecomondo 2015 apre i battenti domani

Parte con gli Stati generali della green economy l’evento dedicato a tutto l’ambito della smart technology e sostenibilità. A Rimini Fiera dal 3 al 6 novembre prossimi

ecomondo_3
image_pdf

La green economy e l’economia circolare si danno appuntamento nel quartiere fieristico di Rimini da martedì 3 a venerdì 6 novembre 2015 per la 19ª edizione di Ecomondo, fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile.

The green technology expo´, definizione della manifestazione, quest’anno raccoglierà oltre 1.200 aziende espositrici organizzate su 16 padiglioni: dal settore core, il trattamento e valorizzazione dei rifiuti con un focus spinto sulla biobased industry e la chimica verde, fino alla nuova proposta di Global Water Expo dedicata al ciclo integrato delle acque, alle reti fognarie e alle tecnologie per l´efficienza, settore stimato in forte crescita.

Fiera di riferimento per il sud Europa e il bacino del Mediterraneo, nel corso della kermesse riminese all’area espositiva si intreccerà una ricca proposta di convegni ed eventi mirati a rispondere alle necessità concrete delle imprese e connessi con le frontiere dell’ecoinnovazione, evidenziando le opportunità di accesso ai programmi comunitari per finanziare la green economy. Il programma è curato dal Comitato Tecnico Scientifico coordinato dal prof. Fabio Fava.

Gli Stati Generali della Green Economy

Ad aprire Ecomondo 2015 sarà la quarta edizione degli Stati generali della green economy (www.statigenerali.org), promossi dal Consiglio nazionale della green economy (66 organizzazioni d´impresa, Fondazione Sviluppo Sostenibile presieduta da Edo Ronchi e con la partecipazione dei ministeri dell´Ambiente e dello Sviluppo Economico), cui parteciperà entrambe le giornate il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti.

La sessione di apertura avrà il titolo Lo stato della green economy in Italia, durante la quale Edo Ronchi del Consiglio Nazionale della Green Economy presenterà la 1ª Relazione sullo stato della green economy in Italia. Il documento, mai realizzato prima in Italia, contiene una fotografia delle imprese green a livello nazionale e un’analisi dell´andamento della green economy nei principali settori, con uno sguardo alle prospettive e alle aspettative nel prossimo futuro.

L’atteso studio è stato realizzato con il contributo di Rimini Fiera-Ecomondo, Ecopneus società senza scopo di lucro per il rintracciamento, la raccolta, il trattamento e la destinazione finale dei Pneumatici Fuori Uso, COOU Consorzio Obbligatorio Oli Usati, Corepla Consorzio nazionale per la raccolta il riciclaggio e il recupero degli imballaggi in plastica, Comieco Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica e Utilitalia Federazione che riunisce le Aziende operanti nei servizi pubblici dell’Acqua, dell’Ambiente, dell’Energia Elettrica e del Gas. Le conclusioni della giornata del 3 novembre saranno affidate al ministro Galletti.

L’edizione 2015 si caratterizza anche per una forte impronta internazionale. Il Consiglio Nazionale della Green Economy, con il Ministero dell´Ambiente, dedicherà, infatti, un momento di approfondimento alla collaborazione ambientale Italia-Cina e un confronto su Parigi 2015.

In particolare, in vista della Conferenza internazionale sul clima, sarà possibile sottoscrivere a Rimini l’appello delle imprese green per l’Accordo globale sul clima, che sarà sottoposto poi all’attenzione del Ministro dell´Ambiente in quanto contributo del settore della green economy italiana.

La quarta edizione degli Stati Generali della Green Economy si colloca temporalmente in un periodo molto importante: arriverà infatti sulla scia di autorevoli posizioni sui temi dell´ambiente e della sostenibilità espresse da Papa Francesco con la sua enciclica Laudato Si´ e dal Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, intenzionato a coinvolgere gli Usa in un piano che riduca drasticamente le emissioni di anidride carbonica delle centrali elettriche americane entro il 2030; sullo sfondo, con la definizione delle posizioni di vari Paesi, la Conferenza mondiale sul clima in programma a Parigi a fine novembre, da tutti definita fondamentale per i programmi di tutela dell´ambiente nel mondo.

Progetti speciali ed eventi paralleli che arricchiscono Ecomondo 2015

Fra le novità di quest’anno, la realizzazione del progetto La città sostenibile dedicato alla “Città delle reti intelligenti” che si completerà con nuovi settori: IBE GREEN sul trasporto pubblico locale e un´area sulla riqualificazione urbana, il Parco delle Innovazioni con tecnologie e innovazioni dai Parchi Tecnologici e Scientifici Nazionali.

Le giornate di Rimini Fiera dedicate all’ambiente, oltre ad Ecomondo, vedranno lo svolgimento in contemporanea anche di Key Energy sull’energia e mobilità sostenibile; Key Wind l’evento italiano di riferimento per le aziende del settore eolico; Key Energy White Evolution sull’efficienza energetica; SA.L.VE il salone biennale del veicolo per l’igiene urbana; H2R Mobility for Sustainability coi grandi marchi automobilistici e i loro modelli all’avanguardia; Cooperambiente il salone del sistema cooperativo legato all’ambiente; Condominio Eco con le soluzioni tecnologiche per rendere meno energivori gli immobili residenziali.

Per saperne di più su Ecomondo, consulta il sito dedicato all’evento.

Copyright © - Riproduzione riservata
Ecomondo 2015 apre i battenti domani Architetto.info