esterni museum | Architetto.info

esterni museum

wpid-2558_esterni.jpg
image_pdf

Da quasi vent’anni l’associazione culturale esterni costituisce un punto di riferimento nella definizione di un rapporto tra la città di Milano e la produzione culturale. Organizzatore di eventi destinati alla riscoperta degli spazi pubblici come luoghi di aggregazione e fruizione culturale come Milano Film Festival, Public Design Festival, Fuori Target, Audiovisiva, motore pulsante della rinascita di un luogo cruciale in vista dell’Expo 2015 come la Cascina Cuccagna, esterni coinvolge giovani talenti della progettazione e del design, curatori di cinema e video, esperti di arte e musica, di sostenibilità ambientale e di urbanistica. È un laboratorio creativo e produttivo, che in tempi di crisi continua a perseguire un modello di marketing culturale sostenibile, in un panorama desolante in cui molte piccole e medie imprese culturali, dopo aver attraversato un fortunato boom agli inizi del decennio scorso, devono cessare le proprie attività.

Su queste basi, ecco la “gentile provocazione” di esterni museum, una living exhibition dove in mostra è proprio l’impresa culturale nel suo amministrarsi quotidiano: meeting creativi, briefing, capacità di risolvere gli imprevisti e pura e semplice ordinaria amministrazione, per una volta al centro dei riflettori. Una fucina che rifiuta i processi industriali, perché per fare cultura serve meticolosità artigianale e ambizione artistica; due componenti che emergono in modo evidente dalle cinquanta “opere” esposte: campagne di comunicazione diventate celebri (come lo Sciopero dei Telespettatori), bozze e appunti, piani produttivi in lavorazione e un ricco apparato di eventi “work-in-progress” (come la 17esima edizione di Milano Film Festival, il prossimo settembre).

Il tutto ospitato negli spazi di Area35, in via Vigevano 35 a Milano: una nuova galleria d’arte che si propone di indagare il pensiero creativo contemporaneo in modo trasversale. Dopo il vernissage (martedì 31 gennaio dalle ore 18.00), tutti i giorni sarà possibile “visitare” la mostra vivente. Uno di quei rari casi in cui il disturbo è ben accetto.

V.R.

Copyright © - Riproduzione riservata
esterni museum Architetto.info