Hans-Peter Fedelmann: Shadow Play | Architetto.info

Hans-Peter Fedelmann: Shadow Play

wpid-2692_fedelmann.jpg
image_pdf

Fino al 10 giugno l’Hangar Bicocca, recentemente riaperto dopo un periodo di sospensione delle attività, ospita una nuova versione di una delle più conosciute e amate installazioni di Hans-Peter Fedelmann: Shadow Play, un’opera al crocevia tra fotografia e cinema, installazione ambientale e teatro. Attraverso il movimento e l’utilizzo della luce come elemento compositivo Shadow Play è una riflessione poetica sulle molteplici possibilità di interpretazione delle immagini.

Hans-Peter Feldmann è un artista di fama internazionale la cui opera è incentrata sull’accumulo di repertori di immagini tratte da fonti anonime o scattate da lui stesso. Nel mostrare l’onnipresenza della riproduzione nel mondo che ci circonda, Feldmann teorizza nella sua opera il concetto dell’ “originale mancante”: è la molteplicità delle riproduzioni che attribuisce all’originale il suo valore e non il contrario.

Hans-Peter Feldmann è stato riscoperto dalle giovani generazioni di artisti per la sua capacità di riflettere sull’accumulazione delle immagini mettendo in discussione i meccanismi del mercato dell’arte e della costruzione del valore dell’opera. Nel 2010 ha vinto l’Hugo Boss Art Prize del Guggenheim Museum, che ha impiegato utilizzando l’importo del premio per tappezzare lo spazio espositivo con centomila banconote da un dollaro.

V.R.

Copyright © - Riproduzione riservata
Hans-Peter Fedelmann: Shadow Play Architetto.info