I designer italiani under 40 fuori dai radar, in mostra all'Acquario Romano | Architetto.info

I designer italiani under 40 fuori dai radar, in mostra all’Acquario Romano

Luigi Prestinenza Puglisi e Monica Scanu curano una retrospettiva insolita, dedicata a giovani figure del design italiano 'fuori' dai circuiti ufficiali

designer_romani
image_pdf

Lunedì 13 marzo 2017 inaugura presso l’Acquario Romano “Prossimo Futuro. 45 designer italiani under 40” a cura di Luigi Prestinenza Puglisi e Monica A. G. Scanu. La mostra, promossa dall’Ordine Architetti P.P.C. Di Roma e Provincia e dall’AIAC – Associazione Italiana di Architettura e Critica, nasce da una call lanciata su Facebook al fine di rendere visibile il lavoro di giovani progettisti e designer under 40 che solitamente non hanno accesso ad un circuito ufficiale.
Dare loro la possibilità di esporre i propri prototipi all’interno di una location importante come la Casa dell’Architettura di Roma rientra nel costante lavoro di scouting e valorizzazione portato avanti dal critico e curatore Luigi Prestinenza Puglisi.

“Questa mostra è nata per un equivoco, un felice equivoco. Un mio amico mi aveva chiesto di selezionargli – almeno così avevo capito – tre o quattro giovani designer con altrettanti prodotti per una mostra. Precipitoso come sono, ho messo un annuncio sulla mia pagina Facebook. Sono stato, tempo 48 ore, subissato da proposte. Molte di grande interesse. Quando lo stesso amico mi ha detto che la sua mostra era solo una ipotesi e sicuramente non si sarebbe fatta, ho pensato che sprecare l’occasione sarebbe stato un inconcepibile errore. La mostra la avrei provata a fare io. E così ho telefonato a Monica Scanu per chiedere consigli. Presto siamo diventati in quattro, coinvolgendo Claudia Pignatale e Giancarlo Martino. Abbiamo chiesto ospitalità alla Casa dell’Architettura e all’Ordine degli Architetti di Roma e abbiamo visto che la mostra poteva essere itinerante. Insomma, per step successivi, è nata un’iniziativa che noi speriamo sia bella e intelligente.
E bene augurante nel nome: Prossimo futuro. La domanda che infatti dovremmo porci è: quale sarà il nostro futuro tra due, tre, cinque anni? Produciamo ancora talenti e risorse ideali per continuare in un campo in cui prima abbiamo avuto la leadership ma che oggi è soggetto a continue sfide da parte di una concorrenza internazionale sempre più aggressiva e sofisticata? Io credo che la risposta sia positiva, anche se non possiamo nasconderci uno stato crescente di difficoltà degli italiani a costruire filiere e a fare sistema. Certamente non sarà una mostra a invertire le tendenze, ma se già riusciremo a porre il problema e a far vedere le luci invece che le ombre, credo che questa bella mostra avrà raggiunto il suo scopo.
Un’ultima precisazione sul format, ideato dai fratelli Matassoni che hanno curato l’allestimento: si presenta come una libreria che contiene una cinquantina di progetti, uno per designer. Accanto alla libreria i prototipi. Ci piace pensare che la libreria posa espandersi sino a contenere cento o forse mille oggetti. Naturalmente è un sogno. Ma i sogni, quando sono ben articolati, a volte si realizzano. Nel colophon troverete i nomi di tutti i collaboratori che hanno contribuito in maniera determinante a costruire l’iniziativa, in particolare vorrei ringraziare lo staff dell’AIAC, Claudia Ferrini, Giulia Mura, Miranda Nera, Maria Michaela Pani, Daniele Ficociello, che con il loro talento, bravura, creatività e generosità sono una promessa di futuro all’interno della mostra Prossimo Futuro.” (Luigi Prestinenza Puglisi).

Designer under 40 selezionati per mostra e catalogo:
Studio AmeBE Design, Claudia Alessandro, Anelo 1997, Jennifer Balsamo, Paolo Emilio Bellisario, Fabrizio Belluzzi, Alex Bocchi, Antonella Caponnetto, Federico Cartamantiglia, formIDable (Davis Busato – Giulia Ciccarese), Raffaele Cetto, OPRA22 (Leonardo del Bene – Alessandro Vergot – Sara Ciregia), Mario Coppola, Doppio CM (Marcello Cova – Lorenzo Melandri), DDum Studio (Giulio Mandrillo, Chiara Pirro, Laura Pirro), Paolo De Giusti, Marco De Masi, Lorenzo Demontis, Javier Deferrari – Lavinia Modesti, Alessandro di Prisco, Renato di Tommaso, Studio Extramoenia (Ermelinda Cosenza, Antal Nagy, Aurelio Valentini), Ferrara + Napoli, Manrico Freda, Gianfranco Fucarino, Tomas Ghisellini, Alice Guarisco, Studio 06 (Massimo Guglielmotto), Peppino Lopez, Luca Maci – UNOSTUDIO, Lorenzo Massimiano, Millim Studio (Chiara Pellicano – Edoardo Giammarioli), Lidia Marchianò, Andrea Morandi, Plusout Design (Sebastiano Maccarrone – Santi Musmeci), Plato Design (Alessandro Mattei – Caterina Naglieri), OPPS (Antonio Salvi), Massimiliano Stefano Pescio, Ocra Architetti (Vincenzo Ramirez Pomella), Giovanni Ranieri, Massimiliano Alberto Ravidà, Salvatore Spataro, Marco Vanucci, Stefano Visconti, Carmelo Zocco.

Copyright © - Riproduzione riservata
I designer italiani under 40 fuori dai radar, in mostra all’Acquario Romano Architetto.info