I Wooddays a Milano: il legno e' protagonista | Architetto.info

I Wooddays a Milano: il legno e’ protagonista

wpid-448_Woodboxhp.jpg
image_pdf

“Wood. Building the future” è il titolo del roadshow internazionale con l’obiettivo di promuovere l’uso del legno in edilizia

E’ partita la prima tappa del roadshow internazionale dei Wooddays, promosso da ProHolz Austria, in collaborazione con Promolegno per la manifestazione italiana e altri partner europei. Lo scorso 21 marzo 2014 si è svolta presso lo Urban Center del Comune di Milano la conferenza stampa di presentazione della manifestazione e la Woodbox, installata in Piazza Cordusio, si è aperta ai visitatori. Il fine precipuo dei “Wooddays” è infatti quello di informare la pluralità sulle qualità del legno come materiale da costruzione per edifici contemporanei.

Ed è per questo che le piazze delle città scelte per ospitare l’iniziativa saranno “arredate” dalla piccola ma accogliente casa in legno. Accento particolare è stato posto sulla questione “culturale”: è infatti essenziale che si diffonda una cultura del legno in tutti i luoghi preposti alla formazione. In primis perché questo materiale possa essere rivalutato in edilizia e in secondo luogo perché un’edilizia in legno non può prescindere da tecnici specializzati.

All’incontro di venerdì erano presenti l’assessore ai Lavori Pubblici di Milano, Carmela Rozza, il presidente di Promolegno Caludio Giust, l’architetto Lorena De Agostini, segretario generale degli uffici milanesi di Promolegno, l’architetto Franco Zinna, direttore della pianificazione tematica e valorizzazione aree del Comune di Milano, Laszlo Dory, del Cei –Bois Associazione europea dell’industria del legno e Fabio Maroldi, docente di Teoria e progetto di costruzioni e strutture.

A fare da sfondo ai Wooddays, il network dell’edilizia in legno, che durante i giorni della manifestazione farà incontrare politica e autorità, architettura e progettazione, industria del legno e imprese edili, nonché scienza e ricerca, per un confronto comune che permetta di definire le condizioni in cui costruire con il legno può aver successo e di costruire efficaci reti di comunicazione.

I dibattiti, le conferenze e manifestazioni di presentazione delle best practices che avranno luogo serviranno ad approfondire il tema delle possibilità offerte dal legno come materiale da costruzione in ambito urbano. E nella Woodbox, appunto, sono esposte immagini di 38 esempi di edifici contemporanei realizzati con il legno, fra questi, l’esempio del complesso residenziale di Via Cenni a Milano, attualmente il più grande progetto residenziale in Europa, realizzato con pannelli a strati incrociati X-lam.

Focus dell’evento è il legno, materiale ideale per affrontare le sfide delle città del futuro, aspiranti “foreste urbane”, sempre più verdi e in continua espansione, ipotizzando delle vere e proprie “Wood growing cities”. Centrale il tema del rinnovamento: le città smart necessitano di edifici sostenibili che comportino una riduzione delle emissioni di CO2 e il legno, contenitore di anidride carbonica e non emissore, offre un contributo fondamentale per una metodologia costruttiva pulita, all’insegna dell’efficienza energetica e della salvaguardia delle risorse. La Woodbox, a Milano fino al prossimo 31 marzo, proseguirà a Bratislava, Lubiana e Bruxelles nel 2014, a Torino, Zagabria e Praga nel 2015, a Firenze, Belgrado e Budapest nel 2016.

Copyright © - Riproduzione riservata
I Wooddays a Milano: il legno e’ protagonista Architetto.info