Il Paese che non c'e' | Architetto.info

Il Paese che non c’e’

wpid-2624_margini.jpg
image_pdf

La giornata di studio promossa dall’ “Associazione Thara Rothas” e Dis-Abitati, in collaborazione con “Fondazione Nuto Revelli” e “Terre di Mezzo street magazine” s’intitola “Il Paese che non c’è” e si terrà il 24 marzo 2012, al Teatro Paolo Pini di Milano, in via Ippocrate, 45. L’argomento principale riguarda un ruolo possibile per i dis-abitati di ieri e di oggi e si propone quindi di ripartire dai “margini” della nostra società.

Il “margine” viene inteso come estremità territoriale, sociale e civile. Esso viene inevitabilmente messo in relazione con il “centro”e la riflessione che ne scaturisce fotografa le contraddizioni dello sviluppo e il disequilibrio che lo domina.

Durante l’incontro s’intende riflettere su tale processo, per trovare alternative che lo fermino e, al tempo stesso, salvaguardare il patrimonio quale “essere” architettonico, paesaggistico e ambientale.
“Che senso ha continuare ad occupare altra superficie dove esiste un patrimonio in-abitato?
Che senso ha concentrarsi in agglomerati congestionati per abbandonare un intero “Belpaese”?
Quale politica cieca può non essersi accorta di tale risorsa disponibile?”

Ripartire dai “margini”, significa guardare al futuro, a quel futuro “globale” al quale oggi, con sempre più urgenza, siamo chiamati a rispondere.

L’evento è organizzato con il patrocinio della Regione Lombardia, dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori,Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Milano e vi partecipano l’Università della Calabria, Università “La Sapienza” di Roma,  Comunità Provvisorie, Recosol, Comitato Cascine Milano  2015, Comieco, Legambiente, Saveart, Il Teatro della Fragola.

C.C.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il Paese che non c’e’ Architetto.info