La settimana del design pubblico 2008 | Architetto.info

La settimana del design pubblico 2008

image_pdf
La settimana del design pubblico 2008
Un nuovo concetto
di città e di design
A Milano, dal 14 al 21 aprile

Design pubblico è un progetto che vive tutto l’anno e che tradizionalmente esterni presenta alla città di Milano durante la settimana del Salone Internazionale del Mobile, attraverso progetti, installazioni ed eventi, che esprimono un nuovo concetto di città e di design. Agire sulla città, nei suoi spazi, nelle piazze e nelle strade, lavorare nei cosiddetti non luoghi: questo è uno degli obiettivi primari di esterni.

La settimana del design pubblico, a Milano dal 14 al 21 aprile propone idee e progetti concreti scegliendo quest’anno il tema del cantiere come simbolo della città che cresce, che si espande e che si modifica. Design pubblico allestisce cantieri per costruire un’idea nuova di città, per rendere una piazza inospitale un luogo d’incontro, per cambiare abitudini e consuetudini accettate passivamente da tutti. Cantieri che diventano punti di partenza per una riflessione e riprogettazione degli spazi, suggerendo di fermarsi e di iniziare a costruire rispondendo veramente alle necessità e ai bisogni di tutti.

Un Cantiere che sorgerà in via Mario Pagano, un ostello temporaneo come la Casa dei designer che prenderà vita all’interno dell’Aula Magna Carlo De Carli presso il Politecnico di Milano – Campus Bovisa, un esempio di un’ospitalità allargata e alternativa come il bed sharing, un calendario ricco di appuntamenti sono gli elementi, i tasselli che vanno a comporre la settimana del design pubblico, a Milano, dal 14 al 21 aprile.

Il Cantiere
Design pubblico riflette e agisce sulle modalità e le motivazioni con cui si costruisce, e dal 15 al 20 aprile apre un Cantiere per la città. Il momento dei lavori, da fattore critico e di disagio diventa un’occasione per la città, delineando e offrendo uno spazio fisico e ideale di cui tutti possono servirsi, da cui i cittadini, le istituzioni e le aziende possono prendere spunto ed esempio per costruire, a livello mentale ma anche, metaforicamente, in modo concreto, una città nuova e possibile, fondata sulla partecipazione, sulla collettività, sulla condivisione, sull’interazione e lo scambio.

Nell’area del parcheggio di via Mario Pagano, angolo via Brulichetti, viene allestito un Cantiere reale nella forma e nell’aspetto ma ideale nei contenuti. Un Cantiere che non costruisce edifici o palazzi, ma spazi di relazione e interazione, che trasforma, attraverso semplici ed efficaci interventi, i disagi che spesso accompagnano i lavori, che costruisce un luogo di incontro e confronto sui temi del vivere cittadino.

Oltre alla grande festa di inaugurazione martedì 15 aprile, ogni giorno appuntamenti speciali con artisti e musicisti, designer e architetti, performer e dj intratterranno il pubblico; laboratori creativi e incontri per costruire idealmente una nuova idea di città. E ogni sera, dalle ore 19 in poi, il Cantiere diventa punto di ritrovo per tutti i visitatori del Salone del Mobile e la cittadinanza, fra un aperitivo e un saluto nelle sere d’aprile.

La Casa dei designer
Dal 14 al 21 aprile, con la collaborazione del Politecnico di Milano, all’interno di Fuorisalone in Bovisa, design pubblico organizza la quarta edizione della Casa dei designer: il progetto di una casa-ostello temporanea con pernottamenti a prezzi contenuti prende forma negli spazi del Campus Bovisa, all’interno dell’Aula Magna Carlo De Carli.

Oltre 130 posti letto, una zona comune con cucina, connessione wi-fi, postazioni internet e un’edicola internazionale costituiscono la “parte coperta” della Casa, progettata dal berlinese Tobias Lehmann del gruppo NOHOTEL (www.nohotel.info). La novità di quest’anno è la presenza di uno spazio esterno, polifunzionale, che si offre come luogo in cui sviluppare diverse attività durante la settimana. L’intera area è stata sviluppata e progettata da esterni con Lago Studio e con il collettivo francese EXYZT, che ha allestito il French Pavillon alla scorsa Biennale di Venezia e che durante i giorni di apertura della Casa trasformerà la piazza dell’Ovale, sviluppando il concetto dell’interazione in uno spazio in continua evoluzione e cambiamento.

Come una specie di villaggio composto da una serie di postazioni modulari e una torretta di “regia”, lo spazio esterno diverrà una piazza da vivere per gli ospiti della Casa dei designer, per gli studenti del Politecnico e per il popolo del Salone del Mobile. A partire dal 14 aprile questo spazio ospiterà laboratori, incontri, esposizioni ed esperimenti sociali: famosi designer provenienti da tutto il mondo condurranno laboratori creativi, docenti delle più rinomate università italiane e straniere affronteranno il tema “design pubblico”, illustrando le loro differenti attività, professionisti della creatività incontreranno il pubblico in colazioni mattutine, “Wake up design! Breakfast get together”, aperte alla partecipazione e al contributo di tutti (fra gli altri, gli organizzatori dell’Utrecht Manifest, il gruppo spagnolo Recetas Urbana di Santiago Cirugeda, gli americani Public Architecture e l’olandese Jeanne van Heeswijk). Lo spazio esterno inoltre, darà agli studenti e agli ospiti della Casa dei designer la possibilità di esporre i propri progetti, di barattarli, di presentarli al pubblico e di discuterne con tutti, per un’esperienza formativa e personale senza paragoni.

Il bed sharing
Quando un progetto come la Casa dei designer non riesce più a soddisfare le richieste di ospitalità, quando la città non offre soluzioni alla necessità di una sistemazione abitativa temporanea, design pubblico organizza bed sharing. Il progetto di ospitalità alternativa, lanciato in occasione dell’edizione 2007 di design pubblico, vede coinvolte sempre più persone, mettendo in contatto chi cerca e chi offre ospitalità attraverso il portale www.bedsharing.org. Chiunque abbia un posto letto, un divano comodo, o almeno 2 mq liberi e confortevoli, si iscriva nel Catalogo delle case ospitali, un designer disperato potrebbe esservi grato per tutta la vita. Per mostrare il lato ospitale di Milano e offrire nuove opportunità di incontro, di socializzazione, di scambio culturale reciproco.

Momenti di festa
Martedì 15 aprile 2008, dalle ore 19 – inaugurazione della settimana del design pubblico con l’apertura del Cantiere. Acrobati, giocolieri, luci, allestimenti spettacolari, musica e danze dei Babbutzi Orkestar faranno da corollario ad una serata di festa, tra visite guidate agli spazi del cantiere, laboratori creativi, performance di designer internazionali (fra cui i newyorkesi Graffiti Research Lab) e una cena per tutti.

Giovedì 17 aprile 2008, dalle ore 19 – cena di tutti alla Casa dei designer
La Casa dei designer e i suoi abitanti accolgono tutta la cittadinanza, per conoscere gli ospiti internazionali della casa, per rilassarsi nella zona living o curiosare nella zona notte. Durante la serata visite guidate, piazze per scambi internazionali, dj set di mAX e Bodz (DjPerSignora) e una grande cena per tutti.

Sabato 19 aprile 2008
dalle ore 21 – Grande Festa di chiusura della settimana del design pubblico con dj set, live performance e installazioni nel Padiglione del Mercato dei Fiori, all’interno dei Mercati Generali di Milano, in via Lombroso 95.

La biennale mostra come l’architettura e il design possa dare risposte a questioni culturali e sociali, ricercando connessioni tra il design, l’architettura e altre espressioni culturali come il cinema, il teatro, la letteratura, per stimolare un dibattito pubblico e politico.

Per altre informazioni, consultare il sito www.esterni.org

Copyright © - Riproduzione riservata
La settimana del design pubblico 2008 Architetto.info