Matera 2019 e l'architettura della vergogna, la mostra continua | Architetto.info

Matera 2019 e l’architettura della vergogna, la mostra continua

Resterà aperta fino al 30 settembre la mostra "Indagine sui Non Abitanti" promossa dal collettivo Architecture of Shame e Matera 2019

image_pdf

Resterà aperta fino al 30 settembre presso l’Archivio di Stato di Matera la mostra “Indagine sui Non Abitanti” del collettivo Architecture of Shame (AoS) in collaborazione con Ater Matera, Ater Venezia e il sostegno dell’Archivio di Stato di Matera, con il contributo di Open Design School, Matera 2019, IAC Centro Arti Integrate, si ri-apre un dibattito europeo sul tema delle case popolari, un confronto tra due quartieri: il quartiere di Campo di Marte alla Giudecca di Venezia e quello di Serra Venerdì a Matera, entrambi progettati dai maggiori architetti delle loro epoche.

Con un taglio sociologico il percorso espositivo mette in relazione le architetture popolari ed i suoi abitanti, protagonisti di due momenti e due geografie diversi dell’Italia del dopoguerra, accomunati da uno spostamento di massa degli abitanti, dalle complesse relazioni tra architettura moderna e tradizionale, dalla perdita dello spazio pubblico e la conquista delle comodità domestiche private.
La condizione di “Non Abitante” definisce un limite tra l’appartenenza e l’estraneità che per alcuni aspetti aiuta a capire meglio la Matera degli anni cinquanta, quando la gente venne spostata da un contesto stratificato ad uno moderno, completamente nuovo.

Lo studio dei fatti veneziani, la loro distanza temporale ed il confronto con le logiche della storia materana, oggi permette di guardare con lucidità ad una parte della nostra cultura, di capirne aspetti condivisibili e superficialità, di studiarne modelli ed evitarne gli errori.
Indagine sui non abitanti” è una ricerca che attraverso il dialogo tra la storia di un pezzo della Giudecca e la storia materana, vuole raccontare un’idea d’architettura che ha dato forma alle città ed alle periferie contemporanee.
Avviata durante la Biennale di Architettura di Venezia del 2016 dal collettivo Architecture of Shame, “Indagine sui Non Abitanti” è un passaggio di costruzione del progetto “Architettura della Vergogna” coprodotto dal collettivo e dalla Fondazione Matera Basilicata 2019 e inserito nel programma di Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Tale progetto approfondisce il tema delle Case Popolari: patrimonio materiale ed immateriale italiano tra contraddizioni e grandi valori etici.

In mostra i documenti originali degli archivi delle ATER coinvolte, dell’Archivio di Stato, dell’archivio Luigi Piccinato di Roma, fotografie dei maggiori archivi fotografici materani ed interviste ad abitanti ed esperti del settore.
Tra i materiali anche 7 volumi tematici che raccolgono il lavoro di ricerca sulle case popolari svolto dal collettivo finora.

La mostra è il preludio di un Concorso di progettazione per lo spazio pubblico di Serra Venerdì che Architecture of Shame ha lanciato nell’ambito del progetto “Architettura della vergogna”. Grazie alla collaborazione di Federcasa, ATER Matera ed ATER Venezia, è stato chiesto a gruppi di progettazione interdisciplinari europei di pensare strategie di miglioramento dello spazio pubblico di Serra Venerdì.
Il concorso propone 3 temi, il vicinato, lo spazio sociale e il bosco e richiede gruppi multidisciplinari composti da un architetto, un architetto paesaggista, un esperto in scienze sociali e un artista.
Nel 2019 sarà realizzato il prototipo del progetto vincitore (oggetto delle richieste del bando) volto a testare ed eventualmente correggere la strategia proposta.

Tutte le informazioni sul concorso sono disponibili sul sito www.architectureofshame.org/competition

Copyright © - Riproduzione riservata
Matera 2019 e l’architettura della vergogna, la mostra continua Architetto.info