Osservatorio sull'Architettura: Lo spazio pubblico nella città diffusa | Architetto.info

Osservatorio sull’Architettura: Lo spazio pubblico nella città diffusa

wpid-1176_cittaalta000.jpg
image_pdf

La School of Architecture della Syracuse University in Florence e l’Osservatorio sull’Architettura della Fondazione Targetti in collaborazione l’Istituto degli Innocenti presentano un  Simposio internazionale a cura di Pino Brugellis, Lawrence Davis, Richard Ingersoll.  Si terrà a  Firenze, il 25 marzo 2009 dalle ore 15:00, presso il Salone Brunelleschi, Istituto degli Innocenti, Piazza Santissima Annunziata, Firenze.

Il tema da approfondire è “Lo spazio pubblico nella città diffusa” al fine di affrontare la problematica della crescita di aggregazioni urbane in aree ampie di tipo prevalentemente rurale nelle quali l’edilizia avanza a un ritmo più alto rispetto a quello della popolazione.  La crescita contemporanea dei centri urbani si manifesta essenzialmente attraverso la rapida e disordinata aggregazione di ampie zone a carattere per lo più rurale, dove lo sviluppo dell’edilizia procede a un ritmo proporzionalmente più alto rispetto a quello della popolazione.  Lo sprawl (letteralmente “sviluppo tentacolare o disordinato delle periferie”), come il fenomeno è comunemente noto, è stato incoraggiato da un capitalismo senza regole e da politiche rilassate di governo del territorio che hanno favorito la produzione e il consumo di spazi residenziali, commerciali e di intrattenimento. I modelli diffusi di urbanistica hanno prodotto un’organizzazione della vita quotidiana, tipicamente basata sul trasporto automobilistico e la comunicazione elettronica, che incoraggia una socialità di tipo insulare tra le persone nel senso che ogni individuo si collega a una serie limitata di luoghi come in un arcipelago. Definire lo status di identità collettiva e le forme che ne derivano di spazio pubblico in questa super-città a bassa densità abitativa è essenziale per realizzare interventi realistici e culturalmente significativi nella sfera pubblica. Su questa tesi principale si incentra il prossimo Simposio Syracuse/Targetti con  l’obiettivo di tracciare le vie percorribili affinché nel cosidetto  “sprawl” cioè “sviluppo tentacolare o disordinato delle periferie” sia possibile ritrovare una identità pubblica necessaria alla città contemporanea. Il simposio prevede la presentazione, da parte di tre architetti e urbanisti, di progetti e strategie per lo spazio pubblico.

Questa la scaletta degli interventi

  • Mark Robbins – Dean, School of Architecture, Syracuse University
  • Paolo Targetti – Presidente Fondazione Targetti
  • Lawrence Davis – Coordinator, School of Architecture, Syracuse University in Florence
  • Pino Brugellis – Direttore Osservatorio sull’Architettura, Fondazione Targetti

Relatori

  • Margaret Crawford – Professor, Harvard University, Graduate School of Design
  • Teddy Cruz – Estudio Teddy Cruz – Architect, La Jolla, California
  • Winy Maas – MVRDV – Architect, Rotterdam, Netherlands

Tavola rotonda
Chairman: Richard Ingersoll – Professor, Syracuse University in Florence

Copyright © - Riproduzione riservata
Osservatorio sull’Architettura: Lo spazio pubblico nella città diffusa Architetto.info