Seconda Edizione del Salone del Restauro | Architetto.info

Seconda Edizione del Salone del Restauro

wpid-1812_salonearte.jpg
image_pdf

Firenze torna ad ospitare, dall’11 al 13 novembre 2010, la Seconda Edizione del Salone dell’Arte e del Restauro, la manifestazione che riunisce nell’esclusiva vetrina della Stazione Leopolda tutti i più importanti operatori del settore, che avranno modo di condividere esperienze e know-how, interagendo e valorizzando la propria immagine e contribuendo a consolidare un settore molto vivo nel nostro Paese. Un sistema fatto di cultura e ricerca scientifica, di sapienza artigianale, di formazione specialistica dei giovani e di servizi per la conservazione, per il restauro e la valorizzazione del patrimonio culturale ed ambientale, che rappresenta un’eccellenza nel mondo e che vede Firenze protagonista grazie alla sua storia, al suo patrimonio artistico, ed al suo storico primato nell’Arte del Restauro.  

La prima importante novità dell’edizione 2010 è rappresentata dall’inserimento del Salone come evento promotore all’interno del calendario della Settimana Internazionale dei Beni Culturali e Ambientali (Florens 2010) ideata da Confindustria Firenze, l’importante manifestazione che riunirà nel prossimo mese di novembre a Firenze i responsabili delle politiche culturali dei paesi partecipanti (ministri ed ambasciatori), i direttori e i conservatori dei principali musei mondiali, i direttori di fondazioni pubbliche e private, oltre a studiosi, curatori, critici ed esperti nel campo dei beni culturali. Venerdì 12 novembre, a partire dalle 16, il convegno “Restaurare il Paesaggio”, al quale parteciperanno tra gli altri Renato Soru (ex Presidente della Regione Sardegna ), Roberto Cecchi (Segr. Gen. Mibac), Peter Pearce (Direttore Landmark Tust di Londra) e Paolo Pejrone (Architetto Paesaggista), sarà l’evento di apertura di Florens 2010. 

Il Salone dell’Arte e del Restauro è stato presentato lo scorso 25 giugno all’Expo di Shangai, all’interno del Padiglione Italiano, nel corso della Full Day Conference Plus b2b “Cities & Cultural Heritage: Innovazione Tecnologica al servizio dei Beni Culturali”. 

La prima edizione del Salone si è chiusa con successo, grazie, solo per citare alcuni dati, agli oltre 18 mila visitatori, i 140 espositori e i 120 eventi culturali che lo hanno reso, fin dal suo esordio un evento di assoluto rilievo nel panorama nazionale e internazionale, in grado di attirare l’attenzione di numerosi ed importanti enti che hanno voluto offrire il proprio sostegno alla manifestazione.  

Il Salone nel 2009 ha ricevuto il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche, ICOMOS Comitato Nazionale Italiano, ENIT Agenzia Nazionale del Turismo, Confcultura, FAI – fondo per l’Ambiente Italiano, Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Firenze, Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze, Università degli Studi di Firenze, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Inoltre si è avvalso della collaborazione delle Soprintendenze Fiorentine, Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro, Centro UNESCO di Firenze, Consiglio Regionale della Toscana e di enti come l’Agenzia per il Turismo di Firenze, Anna Lindh Foundation, Consorzio Firenze Albergo, Confartigianato Imprese di Firenze, CNA Firenze e CNR Firenze. 

A testimonianza del successo rappresentato dalla prima edizione, i partners e gli espositori dello scorso anno stanno confermando il loro appoggio per il 2010. Inoltre sono da segnalare importanti novità che riguardano il pregiatissimo Patrocinio della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa, e la collaborazione con la Fondazione Romualdo del Bianco e con il network “Life Beyond Tourism”. 

Anche quest’anno l’organizzazione dell’evento vede impegnata in prima linea l’Associazione No-Profit ISTUR -CHT, in collaborazione con enti di prestigio presenti sul territorio. Inoltre il Salone avrà, come nell’edizione 2009, un Comitato Tecnico Scientifico come indispensabile osservatorio avanzato, guida e coscienza critica delle attività scientifiche e culturali promosse nel corso della manifestazione. Il Comitato si avvale, come nella passata edizione, del contributo di nomi illustri del settore. 

La vocazione internazionale del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze si conferma anche nella seconda edizione in virtù di una serie di accordi ed iniziative che puntano ad offrire una visibilità sempre più internazionale ad un settore che coinvolge numerosi operatori, rappresentanti di una delle eccellenze del nostro Paese. L’importante accordo raggiunto con FIRPA – Fiera de Restauro di Granada, che consentirà agli espositori presenti a Firenze di avere visibilità nel corso dell’edizione 2011 dell’evento spagnolo, con questa stessa strategia nel 2010 sono stati siglati importanti accordi con l’ICE Istituto del Commercio Estero e con l’Ufficio Relazioni Internazionali, che garantiranno un’importante presenza internazionale. 

Anche la seconda edizione del Salone si annuncia quindi ricca di appuntamenti, eventi culturali, laboratori e dimostrazioni pratiche, organizzati dagli espositori, dalla Segreteria Organizzativa, dalle Soprintendenze fiorentine e da tutti i Partner del Salone. Tra le novità da segnalare, uno spazio didattico interamente dedicato ai bambini a cura del Museo Horne di Firenze con il contributo dell’OMA – Osservatorio dei Mestieri d’Arte, in occasione del quale saranno illustrati, in modo divertente e interattivo, le tematiche riguardanti la conservazione del patrimonio artistico. 

Copyright © - Riproduzione riservata
Seconda Edizione del Salone del Restauro Architetto.info