Temporary Museum for New Design | Architetto.info

Temporary Museum for New Design

wpid-2661_NgispeN.jpg
image_pdf

Tra i numerosi eventi che si svolgeranno durante la settimana del Salone del Mobile, spicca per il quarto anno consecutivo il Temporary Museum for New Design aperto presso il Superstudio Più di Via Tortona a Milano, ideato per ospitare in modo originale i progetti di grandi brand ma anche di giovani talenti, che segue l’idea “meno fiera e più museo”.

Un concept di successo, che nel 2011 ha portato 100.000 visitatori e 3000 giornalisti, con un aumento dei professionisti delle aree del Medio Oriente e asiatiche; per l’edizione 2012 è prevista un’ulteriore espansione grazie all’allargamento alla Extension al Superstudio 13: le due location ospiteranno 40 brand internazionali, 200 designer da scoprire, 3 ristoranti, 1 temporary shop, per oltre 13.000 metri quadrati.

Il progetto di Gisella Borioli, con la direzione artistica di Giulio Cappellini, prevede una successione di più di 40 mostre, con presentazioni spesso firmate dalle star del design come Italo Rota (per Samsung), Giulio Cappellini (per Alcantara), Carlo Colombo (per Cristalplant), i fratelli Fernando e Humberto Campana (per Cosentino), Oki Sato (per Nendo).

Un’installazione che offre percorsi sensoriali spiazzanti, dialoghi tra realtà parallele e realtà aumentata. Saranno evocati scenari fantascientifici per portare il visitatore nel futuro della tecnologia, nelle case di domani.

Assieme ai grandi nomi, un grande spazio underground di circa 2.000 mq dedicato a giovani talenti di tutto il mondo: “Discovering, other talents, other worlds, other ideas” si presenta come un viaggio tra le promesse del design allestito nel Basement di Superstudio Più, cui si accede da un nuovo ingresso indipendente collocato accanto all’ingresso principale.

La linea conduttrice di questa edizione sarà “Telling a Story”, il design raccontato da parole, aforismi, lettering lungo il percorso comune del Temporary Museum con il pensiero di grandi architetti e intellettuali.

Tra le molte sezioni dell’esposizione, anche un’area dedicata alla relazione tra arte, design e giardino, una mostra omaggio al grande Ettore Sottsass e una serie di “collettive dal mondo” (Thailandia, Polonia e Svezia) per un viaggio nella vita quotidiana proveniente da altre culture attraverso oggetti, arredi, tessuti, accessori pensati dai migliori designer internazionali.

Il Temporary Museum sarà aperto ai professionisti del settore dal 17 al 21 aprile, mentre per il 22 aprile è prevista la giornata di ingresso libero.

V.R.

Copyright © - Riproduzione riservata
Temporary Museum for New Design Architetto.info