Torinostratosferica: seconda edizione del festival sul city making dal 19 al 21 ottobre | Architetto.info

Torinostratosferica: seconda edizione del festival sul city making dal 19 al 21 ottobre

Torinostratosferica racconterà - mediante un ciclo di conferenze, eventi e mostre - la Torino che guarda alla rigenerazione urbana sostenibile, all'architettura del futuro e all'ecomake

Architettura del futuro e sviluppo sostenibille per la città di Torino (credits R3 Architetti)
Architettura del futuro e sviluppo sostenibille per la città di Torino (credits R3 Architetti)
image_pdf

Alle porte la seconda edizione del festival Torinostratosferica Utopian Hours, il primo evento italiano di city making. Dal 19 al 21 ottobre, presso l’ex spazio industriale di Via Quittengo 35 (appositamente recuperato), avrà luogo un fitto programma di esposizioni e incontri gratuiti, all’insegna di architettura del futuro, sviluppo sostenibile, ecomake e riutilizzo degli spazi pubblici.

Speaker di fama internazionale si alterneranno sul palco di Torinostratosferica per affrontare i grandi temi dell’urbanistica contemporanea, mentre architetti italiani affermati ed emergenti proveranno a immaginare la Torino del futuro, fornendo spunti concreti e idee per realizzare appieno il potenziale di una delle città più dinamiche d’Italia.

(Leggi anche: Solar Decathlon China: vince un progetto firmato dal Politecnico di Torino)

Torinostratosferica e rigenerazione urbana sostenibile

Gli ambienti di Torinostratosferica ospiteranno fotografie, disegni e render, in un processo di ripensamento collettivo dell’urbanistica torinese. Le mostre “L’immaginazione al potere”, “Come Torino potrebbe diventare stratosferica” e “Visioni da Torinostratosferica” tradurranno in concreto la spinta alla reimmaginazione degli spazi pubblici.

Presente anche quest’anno il format Visiting Urban Explorer: tre “esperti di città” visiteranno Torino per 3 giorni, per poi proporre un resoconto sulle potenzialità cittadine e spunti su cosa andrebbe fatto per migliorare lo status quo. Gli esploratori urbani di quest’anno sono Valerie Kuster, architetto-chef olandese; Timo Hämäläinen, geografo e blogger finlandese; Frederico Duarte, critico del design portoghese.

Il personaggio più atteso è però Mikael Colville-Andersen, urban designer di origine danese esperto di sviluppo sostenibile e guru della bike culture. Da Copenaghen ha diffuso la parola d’ordine copenhagenize: l’idea di riqualificare città di tutto il mondo mediante l’introduzione di modi più funzionali di spostarsi e vivere, ispirati all’estrema vivibilità della capitale danese. Colville-Andersen sarà a Torino per la prima volta (il suo intervento sabato 20 ottobre alle ore 19.30).

Torinostratosferica

Visioni da Torinostratosferica (credits to Michele D’Ottavio)

Ecomake e architettura del futuro

L’incontro di apertura di Torinostratosferica è invece “Davvero Smart. Rigenerazione urbana e riqualificazione degli edifici” . Venerdì 19 ottobre alle ore 15.30 si confronteranno rappresentanti delle istituzioni cittadine (Federica Patti, assessora all’Istruzione ed Edilizia scolastica del Comune di Torino; Subhash Mukerjee, vice presidente di Fondazione per l’Architettura; Marco Rosso di Ance Torino) e operatori del settore, alla presenza di Hattie Hartman, sustainability editor di Architects’ Journal.

Forniranno la propria visione del futuro della città di Torino anche cinque “torinesi brillanti”. Questi i nomi: Enzo Biffi Gentili, direttore del Museo Internazionale di Arti Applicate Oggi-MIAAO; Adriano Marconetto, imprenditore e innovatore nel campo tecnologico e digitale; Erika Mattarella, cittadina attiva nella riqualificazione del quartiere Barriera di Milano; Matteo Robiglio, architetto, docente e direttore del Future Urban Legacy Lab; Paolo Ruffino, esperto di mobilità e ciclabilità.  I cinque si succederanno raccontando le proprie esperienze legate a Torino, il rapporto con la città e le idee per il futuro (domenica 21, ore 16.30).

L’architetto, curatore e artista Maurizio Cilli dedicherà infine un talk show alle eccezionalità di Torino (domenica 21, ore 17.30), mediante il racconto di 11+1 episodi dimenticati in cui la città ha dimostrato la propria unicità. Questa collezione di storie torinesi sarà raccolta anche nella mostra “L’eccezione come regola” e in un libretto.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Torinostratosferica: seconda edizione del festival sul city making dal 19 al 21 ottobre Architetto.info