Tutto pronto per Klimahouse Toscana 2016: visione e aspettative degli operatori | Architetto.info

Tutto pronto per Klimahouse Toscana 2016: visione e aspettative degli operatori

Apre domani i battenti la 3° edizione fiorentina della fiera dell’edilizia sostenibile. Vediamo le aspettative che emergono dalla voce di alcuni espositori di questo settore in evoluzione

KLIMAHOUSE_toscana
image_pdf

Klimahouse Toscana è l’appuntamento più atteso per il settore dell’efficienza energetica e la sostenibilità in edilizia nell’Italia centrale: un evento fieristico dedicato a soluzioni e tecnologie innovative per la realizzazione di edifici confortevoli ed efficienti, nel pieno rispetto dell’ambiente e delle tradizioni architettoniche del territorio. Grandi aspettative da parte degli espositori che partecipano a questa 3° edizione alla luce di una dinamica evoluzione del settore e una maturata consapevolezza nei target di riferimento.

L’interesse delle aziende per Klimahouse Toscana è dimostrato da numeri in continua crescita: sono infatti 130 gli espositori presenti quest’anno nella splendida location della Stazione Leopolda, che ospiterà la kermesse dall’1 al 3 aprile. Anche da parte del pubblico l’iniziativa riscontra un rilevante consenso, l’anno scorso hanno visitato questa manifestazione quasi 7.000 visitatori fra privati e operatori del settore. Numeri importanti che rafforzano le aspettative degli espositori, estremamente soddisfatti dei risultati ottenuti nelle passate edizioni e fiduciosi nelle aspettative per questa nuova edizione.

Positive e costruttive le opinioni e le riflessioni espresse dagli espositori intervistati circa le aspettative sulla propria partecipazione alla manifestazione e nei confronti dello specifico mercato dell’edilizia sostenibile quale comparto in ascesa, oltre a interessanti spunti raccolti sull’importanza della sensibilizzazione della popolazione verso i temi del risparmio energetico.

“Partecipiamo a questa manifestazione già da qualche anno” dichiara Pamer Benno, Direttore vendite Italia di RÖFIX SpA “perché crediamo al contenuto e allo spirito con cui è stata pensata e creata, inoltre abbiamo la possibilità di incontrare esperti e professionisti del settore con cui interagire e presentare novità e soluzioni in termini di efficienza, ricerca e qualità. E poi la Toscana per noi è una piazza molto importante per il sviluppo territoriale verso il centro dell’Italia.”

Su questo tema concorda pienamente anche Andrea Giannotti di Edilizia Integrale: “Klimahouse Toscana – spiega Giannotti – offre una panoramica esaustiva del nostro mercato territoriale di riferimento, essendo la nostra un’azienda toscana, e tale manifestazione ci permette di conoscere meglio le esigenze dei nostri clienti e confrontarci con i nostri competitors”.

Il Sig. Alberto Cocco, Direttore Commerciale di Eterno Ivica si sofferma sulle peculiarità del mercato toscano: “Partecipiamo a questa manifestazione perché riteniamo che la Toscana sia un territorio molto ricettivo e attento alla tematica della ristrutturazione, settore di impiego ideale per le nostre soluzioni afferenti all’isolamento acustico e alla realizzazione di pavimenti sopraelevati.”

Anche per Teknowool, giovane realtà di distribuzione presente in fiera insieme all’azienda Rockwool, “Klimahouse Toscana rappresenta un ottimo mezzo di incontro tra noi e il mercato che intendiamo approcciare” spiega Roberto Didoné, responsabile sede Toscana di Teknowool “e un’ottima occasione per farci conoscere quale interlocutore al quale far riferimento sia dal punto di vista degli approvvigionamenti che della competenza tecnica”.

In merito allo sviluppo che ha interessato il settore dell’edilizia sostenibile negli ultimi anni e alla sensibilità del mercato verso questo tema il Sig. Cocco di Eterno Ivica delinea un quadro chiaro: “Sicuramente col passare degli anni siamo tutti più vicini e più sensibili al modo di costruire sostenibile. E’ maturata e si è diffusa rispetto al passato una maggiore coscienza rispetto alla salvaguardia della natura ed a stili di vita più sani, all’esigenza sentita di un elevato comfort abitativo in grado di avvicinare il moderno stile di vita alla nostra interiorità, per il benessere personale passa sicuramente anche dagli ambienti in cui viviamo.”

“Gli ultimi anni hanno visto una crescita enorme sia di livello quantitativo ma anche qualitativo dell’edilizia sostenibile in Italia” dichiara il Sig. Pamer di RÖFIX spiegando: “Su tutti i diversi livelli della filiera dell’edilizia, partendo dal progettista, attraverso le imprese arrivando sempre di più anche al privato, il tema oggi è molto presente nel settore. Già da parecchio tempo non è più una nicchia ma tocca una fetta molto ampia del mercato. Per questi motivi si trovano anche sempre più attori nel campo e la grande sfida di oggi è mantenere la qualità della proposta e non farsi opprimere troppo dalle pressione del prezzo.”

Anche il Sig. Giannotti di Edilizia Integrale concorda sul fatto che “l’edilizia negli ultimi anni ha fatto passi da gigante dal punto di vista tecnologico ed economico, riuscendo oggi a presentare al mercato ottime soluzioni a costi ragionevoli”. Al tempo stesso Giannotti pone l’accento anche su alcuni aspetti sicuramente da migliorare per il rilancio dell’intero settore ovvero “le lungaggini burocratiche che spesso spaventano chi invece vorrebbe investire, ostacoli che si sommano al momento economico difficile non ancora pienamente superato”.

Proprio per questo, secondo Didoné della Teknowool “è fondamentale sensibilizzare e soprattutto informare gli utenti finali e i proprietari di immobili sull’importanza della riqualificazione energetica per ottenere vantaggi sensibili in termini di risparmio energetico e sulle modalità per farlo. Sono molte a nostro avviso le persone che non hanno apportato migliorie alla propria casa, seppur queste avrebbero abbattuto costi e/o generato benessere a costo quasi zero, solo perché non avevano idea dell’esistenza dei bonus o dei materiali idonei allo scopo, o perché le procedure per accedervi sembrano complicate. Laddove la conoscenza negli interlocutori aumenta, aumenta anche la qualità delle richieste” conclude Didoné.

Anche il sig. Pamer di RÖFIX evidenzia come “La sensibilizzazione trasversale è sempre importante soprattutto in termini di informazione tecnica, azione che la nostra azienda promuove quotidianamente attraverso una squadra di personale tecnico molto preparato, in grado di affrontare problematiche in tutti i settori di nostra competenza offrendo anche soluzioni innovative. Parlare poi di risparmio energetico e riqualificazione edilizia a livello nazionale è un tema importante in termine di aspettative e risultati, ma che va oltre alle possibilità di ogni singola azienda e che dovrebbe invece coinvolgere maggiormente le varie Istituzioni in campagne informative.”

Concludiamo con la dichiarazione del Sig. Cocco che conferma come “la sensibilizzazione degli utenti finali sia assolutamente necessaria. Il nostro obiettivo è quello di comunicare con gli utilizzatori, riuscendo a farsi capire da tutti: l’auspicio è proprio quello di ottenere un riconoscimento dal basso che avvalori la credibilità tecnica delle nostre soluzioni. Riteniamo che sia importantissimo nel settore dell’edilizia riuscire a veicolare i contenuti tecnici con un linguaggio comprensibile a tutti e a tutti i livelli.”

Emerge dunque in modo corale dalla voce degli espositori intervistati come l’appuntamento di Firenze generi aspettative elevate per la partecipazione attesa di pubblico e operatori, così come la qualità delle richieste, riconoscendo a Klimahouse Toscana il valore qualificante di una piazza in grado di offrire al pubblico e ai professionisti stimoli, opportunità di confronto, informazione, approfondimento e scambio, con operatori, consulenti, tecnici a tutti i livelli della filiera edile. Perché la sostenibilità e il comfort abitativo diventino per tutti valori irrinunciabili del vivere quotidiano.

Copyright © - Riproduzione riservata
Tutto pronto per Klimahouse Toscana 2016: visione e aspettative degli operatori Architetto.info