Women in Architecture 2019: premiate l'archietto Liz Diller e la fotografa Héléne Binet | Architetto.info

Women in Architecture 2019: premiate l’archietto Liz Diller e la fotografa Héléne Binet

The Architectural Review e The Architects’ Journal celebrano con i Women in Architecture Awards 2019 l’eccellenza femminile nel mondo dell'architettura

Women-in-Architecture-2019
image_pdf

Un architetto e una fotografa. Sono Liz Diller e Héléne Binet le due donne che la giuria dei Women in Architecture Awards di quest’anno ha scelto di premiare per aver contribuito, con il loro lavoro, a valorizzare il mondo dell’architettura.

Giunti all’ottava edizione, i Women in Architecture Awards sono stati istituiti nel 2012 dalle riviste The Architect’s Journal e The Architectural Review come parte di una serie di eventi e rassegne annuali dedicati alla celebrazione del lavoro, spesso scarsamente considerato, delle donne alla professione.

Liz Diller, architetto coraggioso e innovativo

Elizabeth Diller, co-fondatrice dello studio newyorkese Diller Scofidio + Renfro e unico architetto annoverato fra le 100 persone più influenti del 2018 nella nota classifica annuale del Times, si è aggiudicata il Jane Drew Prize 2019.

liz-diller

“I suoi lavori- ha commentato la direttrice del The Architects’ Journal Emily Booth– sono coraggiosi, freschi, innovativi e basati su un approccio interdisciplinare che è fonte d’ispirazione per la sua professione di architetto”.

Diller annovera nel suo portfolio realizzazioni prestigiose: dalla High Line di New York, al Broad Art Museum di Los Angeles. E la notizia del premio arriva in un momento importante per il suo studio, che ha recentemente annunciato un nuovo progetto per il London Centre for Music e ha completato il primo di due lavori significativi allo sviluppo di Hudson Yards a New York.

the-broad-museum-liz-diller

“È un grande onore ricevere il Jane Drew Prize 2019 e unirsi a un gruppo così straordinario di donne che sono venute prima” ha dichiarato Diller ricevendo il premio che è stato precedentemente assegnato ad Amanda Levete (2018), Denise Scott Brown (2017) e Odile Decq (2016), Shelley McNamara (2015) e Zaha Hadid (2014).

Hélène Binet, la fotografa che ‘cattura l’anima’ dell’architettura

Membro onorario del Royal Institute of British Architects dal 2007 e narratrice di progetti di ogni tipo e scala, tra cui le opere di Caruso St. John, Geoffrey Bawa, Zaha Hadid e Studio Mumbai, la fotografa Hélène Binet è stata premiata con l’Ade Louise Huxtable Prize per la sua carriera trentennale.

helene-binet

“Per quasi trent’anni, la fotografia di Hélène Binet ha influenzato e plasmato il modo in cui interpretiamo l’architettura- ha commentato Emily Booth– Il suo occhio acuto, la sua sensibilità per la forma e la capacità di catturare lo spirito e la materialità di un edificio hanno contribuito enormemente alla cultura dell’architettura.”

La fotografa ha lavorato accanto ai nomi più noti dell’architettura, fra cui Zaha Hadid, Peter Zumthor e Daniel Libeskind, che ha definito il corpus del suo lavoro, inserito nella collezione permanente del Museum of Modern Art di New York (MoMA), come in grado di ‘restituire tutta la forza, il pathos e la fragilità delle opere architettoniche’.

helene-binet-aliyev-center

I premi saranno consegnati ufficialmente a marzo 2019.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Women in Architecture 2019: premiate l’archietto Liz Diller e la fotografa Héléne Binet Architetto.info