Faccia a faccia con Mario Ceroli | Architetto.info

Faccia a faccia con Mario Ceroli

wpid-119_Schermataalle.jpg
image_pdf

Nato in Abruzzo nel 1938 ma romano d’adozione, Mario Ceroli ha attraversato il secolo scorso come uno dei maggiori protagonisti del panorama artistico nazionale contemporaneo. Nato come scultore e ceramista, Ceroli ha rielaborato in chiave italiana le influenze della pop art negli anni Sessanta, per poi aderire al gruppo dell’Arte Povera. Parallelamente, ha svolto un’importante attività come scenografo per allestimenti operistici.

Una mostra inaugurata da pochi giorni al Mambo (Museo d’Arte Moderna di Bologna) e aperta sino al 1 aprile 2013 presenta un’ampia rassegna antologica dell’intera vicenda creativa di Ceroli, per testimoniare la sua inesauribile vocazione inventiva nella sperimentazione della materia e nell’esplorazione di un universo concettuale costantemente riferito alla tradizione della storia dell’arte.

Curata da Gianfranco Maraniello, “Faccia a faccia” raccoglie 47 opere, comprese alcune delle più celebri installazioni ambientali di grandi dimensioni, oltre a nuovi lavori presentati appositamente in questa occasione. Lo stesso artista ha elaborato la mostra come un progetto omogeneo, scultoreo e architettonico al contempo. Un allestimento che sfugge a criteri cronologici e storiografici e fa emergere rimandi e connessioni tra opere di epoche diverse, in un percorso altamente dialettico e inventivo. Il titolo “faccia a faccia” fa riferimento al confronto tra l’umano e il divino che proprio il grande salone centrale del Mambo, così simile a una cattedrale, ha ispirato.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Faccia a faccia con Mario Ceroli Architetto.info