A Porta Nuova il giardino zen di Kengo Kuma | Architetto.info

A Porta Nuova il giardino zen di Kengo Kuma

wpid-15212_GDcopia.jpg
image_pdf

Durante l’ultimo Salone del Mobile i moderni grattacieli in corso di costruzione nel rinnovato quartiere di Porta Nuova a Milano hanno ospitato una suggestiva installazione d’autore, in bilico tra zen, sogno e green design. “Naturescape”, progetto firmato dall’archistar giapponese Kengo Kuma, ha combinato elementi naturali come la pietra, il verde, l’acqua, il bambù, la ghiaia per ricreare l’immagine quasi “onirica” di un giardino giapponese, tra calma e semplicità.

“Naturescape” è il frutto della collaborazione tra Frassinagodiciotto e Il Casone con realtà quali Agape, Pratic, Tribù, Vaselli le quali, insieme al contributo tecnico dell’illuminazione di Davide Groppi, hanno messo a disposizione prodotti e soluzioni per la realizzazione dell’ambiente.

Gli elementi lapidei in Pietra Forte Fiorentina con finitura sabbiata de Il Casone, specializzato nel settore dell’estrazione e lavorazione delle arenarie, ospitano e delimitano insieme gli specchi d’acqua. Gli elementi in pietra, sagomata ad arte per seguire e accompagnare morbidamente le linee di livello pensate da Kengo Kuma, si accostano alle superfici verdi sulle quali prende vita una vera e propria foresta di bambù, un bosco verticale, realizzato da Frassinagodiciotto. Oltre a curare tutti gli aspetti legati al progetto e alla realizzazione del verde, il brand ha anche ricoperto il ruolo di project manager per tutto lo sviluppo dell’opera, dalle fasi di concept fino alla sua completa realizzazione, esplicitando la sua doppia vocazione di studio di progettazione e architettura del paesaggio oltre che di impresa specializzata nel giardinaggio per esterni.

A questi contributi si aggiunge la cucina in pietra di Vaselli, storica azienda per la lavorazione del travertino, mentre dagli specchi d’acqua prendono vita, come sculture, gli elementi di Agape, punto di riferimento per il progetto della stanza da bagno. Altri elementi di arredo provengono dal brand belga di arredo per esterni Tribù, mentre le due zone esterne, allestite in continuità di elementi progettuali e materiali con l’interno, vedono la presenza di due strutture per esterni in metallo di Pratic, dal 1960 azienda di riferimento nell’ambito delle protezioni solari.

“Naturescape” fa parte di “Urban Stories”, progetto a tre binari paralleli in bilico tra design e architettura che ha coinvolto anche nomi del calibro di Michele De Lucchi e Diego Grandi.

Di seguito, una ricca galleria fotografica dell’installazione (foto di Giovanni De Sandre, grazie a Laboratorio Material Design del Dipartimento di Architettura di Ferrara).

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
A Porta Nuova il giardino zen di Kengo Kuma Architetto.info