Architettura vegetale: Mauricio Cardenas 'racconta' il bambu' | Architetto.info

Architettura vegetale: Mauricio Cardenas ‘racconta’ il bambu’

wpid-22438_cardenasokok.jpg
image_pdf

 

L’architettura vegetale e alternativa è il fil rouge attraverso il quale si conferma la collaborazione tra Wolters Kluwer Italia e Nemeton Magazine, che, con Milano Makers, organizzano in occasione del prossimo, ormai vicino, Salone del Mobile di Milano, la mostra-evento Green Utopia, la città verde ospitata nella location della Fabbrica del Vapore.

In attesa dell’evento, che si svolgerà dall’8 al 13 aprile prossimi, Architetto.info richiama un altro importante momento di questa collaborazione: l’area Growing City, spazio dedicato alla progettazione “green” durante il Made Expo 2013, la fiera internazionale su architettura, design ed edilizia, tenutasi a Milano dal 2 al 5 ottobre scorsi. In quell’occasione, i protagonisti degli incontri e dei dibattiti di Growing City hanno espresso la loro visione “green” dell’architettura. Dopo l’architetto Maurizio Corrado, continuano gli appuntamenti con il tema del “verde”, in brevi video interviste.

“Le tecniche di costruzione con i materiali naturali sono senz’altro il futuro e lo possiamo vedere da quello che sta succedendo nel mondo. Molti architetti, anche i più importanti e noti a livello internazionale, sono molto interessati a questa nuova corrente della costruzione.

Il bambù ha grandi potenzialità come materiale da costruzione, soprattutto in connubio con altri materiali, come ad esempio l’acciaio. Definito “acciaio vegetale”, il bambù si unisce all’acciaio e dà vita al connubio tra l’industria e la natura. Di qui nascono sistemi di costruzione misti, materiali minerali e vegetali si uniscono ottenendo un effetto visivo notevole e costi economici ridotti rispetto all’edilizia tradizionale e, non ultimo, con un impatto ambientale decisamente minore.”

Queste le parole dell’architetto Mauricio Cardenas, fra i protagonisti di Green Utopia, il quale nel video qui di seguito spiega come i materiali vegetali stiano assumendo un peso sempre maggiore in architettura e progettazione.

 

Green Utopia, architettura vegetale

 

Green Utopia è l’evento curato dall’architetto Maurizio Corrado e organizzato da Nemeton Magazine, Milano Makers e Wolters Kluwer Italia dall’8 al 13 aprile 2014, negli spazi della Fabbrica del Vapore in via Procaccini 4 a Milano. La piccola città utopica di duemila metri quadri con esempi reali di architettura vegetale sarà la più innovativa e concreta risposta alle esigenze di sostenibilità contemporanee nell’architettura e nel design.

Visitando Green Utopia, uno degli eventi di Sharing Design, la manifestazione a cura di Milano Makers, si potranno toccare con mano le proposte più innovative dell’abitare e del vivere “green”. Fra gli esperti protagonisti dell’iniziativa vi saranno Eliana Baglioni, Mauricio Cardenas, Francesco Poli, Monica Botta e Andrea Facchi, di Geologika Collettiva. La città vegetale vivrà di giorno con laboratori e workshop operativi di autocostruzione mentre la sera si accenderà di luci, proiezioni, musica, teatro, performance trasformando l’utopia green in uno spettacolo continuo.

Il focus di attenzione è verso le tecniche dell’architettura vegetale e alternativa. L’uso in architettura e design dell’elemento vegetale, considerato come materiale primario della costruzione, è un nuovo atteggiamento che considera il verde come l’ambiente ideale per la vita dell’uomo. La città che ne deriva tende a portare dentro di sé la foresta togliendo il confine fra natura e costruito.


 

 

 

 

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Architettura vegetale: Mauricio Cardenas ‘racconta’ il bambu’ Architetto.info