Bioclimatica: come ottimizzare lo spazio urbano | Architetto.info

Bioclimatica: come ottimizzare lo spazio urbano

Progettare lo spazio pubblico dal punto di vista dello sfruttamento delle energie rinnovabili: strumenti per l’ottimizzazione

cover_rogora_spazio_urbano
image_pdf

Per progettare lo spazio urbano, dal punto di vista dello sfruttamento delle energie rinnovabili, sarebbe opportuno espandere la città dove la disponibilità di risorse (sole e vento) risulta maggiore per permettere l’uso diretto della radiazione solare a fini termici nel periodo invernale. Un esempio di questo approccio è ben riportato da R. Knowles nel testo “Sun Rhytm Form” che mostra come l’interdistanza tra edifici posizionati in aree con pendenze diverse non possa rimanere costante se si vuole garantire il corretto soleggiamento invernale del fronte principale. Le pendenze orientate verso Nord dovrebbero quindi essere meno edificate, piuttosto che alloggiare attività diverse dalla residenza e con maggiore metabolismo (ad esempio, l’industria o gli uffici).

Fig60-1

Giustapposizione tra edifici in linea in asse est-ovest e variazione dell’interdistanza tra gli edifici in relazione alla pendenza del terreno

Progettare tessuti più compatti nello spazio urbano riduce certamente la necessità di spostamenti rendendo possibile l’uso di soluzioni di mobilità dolce ma anche, semplicemente dal punto di vista energetico, riduce la superficie d’involucro esposta all’esterno e quindi, a parità di soluzioni tecnico costruttive, vengono ridotti i consumi energetici per il condizionamento degli edifici; ridurre il numero di edifici a padiglione a favore di un edificato in linea o a rete migliora generalmente la qualità termica dello spazio pubblico.

C:UsersSabryDocumentseBook personaliRogoraLibro Luglio - A

Diverse modalità di occupazione del suolo determinato dal tipo di costruzioni (a padiglione, in linea e a corte)

Nel progetto di uno sviluppo di spazio urbano è importante proteggere gli spazi aperti dalle manifestazioni ambientali indesiderate (venti invernali, sole estivo). La qualità degli spazi aperti migliora da un lato le condizioni interne agli edifici ma favorisce lo svolgimento di attività conviviali e i rapporti tra le persone.
Il progetto di un edifico non termina quindi al filo dell’intonaco esterno, ma deve investire e considerare le zone verdi, la presenza di acqua e il tipo di finitura degli spazi esterni tenendo in considerazione sia le necessità degli edifici (captazione ecc.) che le condizioni negli ambienti aperti bello spazio urbano.
La realizzazione di ambienti ed elementi di mediazione climatica e di protezione termica a livello semipubblico (portici, gallerie, corti ecc.) e a livello privato permette la costruzione di una efficace struttura gerarchica di tipo termico ma anche relativa all’organizzazione delle attività.
L’accesso al sole è un diritto comune che dovrebbe essere preservato nello sviluppo dello spazio urbano. Troppo spesso i nuovi edifici interferiscono con l’esistente perturbando le relazioni energetiche sedimentate, ad esempio riducendo l’acceso al sole (ombreggiamento) o redirezionando la radiazione solare incidente in maniera incontrollata (superfici specchianti o trasparenti che riflettono la radiazione sugli edifici circostanti).

Fig60-3

Radiazione riflessa dalla facciata di un edificio con finitura specchiante in un ambiente urbano

Fig60-4

Facciata dell’edifico di Fig. 3 antistante investito dalla radiazione riflessa

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
L'autore
Bioclimatica: come ottimizzare lo spazio urbano Architetto.info