Biopiscine: consigli per la progettazione | Architetto.info

Biopiscine: consigli per la progettazione

La progettazione di una biopiscina richiede una forte specializzazione professionale. Ecco alcuni consigli

cover_biopiscina
image_pdf

Molto probabilmente quando si pensa a una biopiscina si pensa ad una vasca di forma “naturale” molto simile a uno stagno; in realtà la progettazione delle piscine naturali può prevedere le forme più diverse: di forma naturale, completamente circondate da ghiaie e piante acquatiche oppure essere di forma geometrica regolare.

L’area di rigenerazione e quindi le piante acquatiche possono essere collocate in una vasca limitrofa, ma totalmente separata dall’area di balneazione oppure inserite nella vasca dove si fa il bagno. Le possibili opzioni non sono motivate solo da ragioni tecniche, ma anche da precise esigenze del committente; ogni scelta comporta una serie di conseguenze.

Ad esempio, se l’area di rigenerazione viene collocata al bordo di quella di balneazione, è possibile godere la sensazione che deriva dal nuotare a contatto con ninfee e altre piante acquatiche, ma questa scelta rende leggermente più complessa la pulizia dell’area di balneazione. Al contrario il posizionare la zona di rigenerazione in un bacino separato consente di ridurre il lavoro di pulizia, ma rende l’ambiente “sterile”, più simile a quello di una piscina tradizionale.

Questa possibilità di forme e strutture rende le biopiscine ben inserite in qualsiasi giardino o paesaggio, da naturale a moderno, geometrico. In tal caso, senza prescindere dal gusto personale del committente, costituirà criterio di scelta l’adattamento all’architettura dell’abitazione, a quella del giardino e del paesaggio circostante. La scelta di forme sinuose o geometriche e regolari deriverà da una serie di elementi che consentiranno il miglior inserimento nel giardino.

Gli elementi di contorno come il deck in legno, la doccia e l’area di sosta avranno la funzione di creare un centro di ritrovo e di vita nel giardino favorendo la fruibilità della biopiscina stessa.

Per quanto riguarda il dimensionamento e, in particolare, il rapporto tra area destinata alla balneazione e quella destinata alla bio-fitodepurazione, normalmente si fa riferimento alle norme elaborate nel 2006 dalla tedesca FLL (Forschungsgesellschaft Landschschaftsentwicklung Landschaftsbau e V.) per la costruzione delle biopiscine private. Le condizioni climatiche diverse, la nostra diversa cultura hanno determinato alcuni adattamenti specifici che consentono di meglio adattare gli impianti riferimento alla necessità di sovradimensionare la superficie dell’area di rigenerazione.

In Italia la stagione di balneazione è normalmente più ampia e caratterizzata da temperature dell’acqua più elevate; tutto questo determina un maggiore sfruttamento della biopiscina e, quindi, la necessità garantire una elevata efficienza nella depurazione con rapida rimozione delle sostanze organiche immesse durante la balneazione.

È opportuno specificare che la superficie complessiva dell’area di rigenerazione non è il solo elemento da considerare in quanto sono determinanti il tipo di materiale impiegato, gli spessori, la presenza di dreni di immissione ecc.  In ambienti caldi è di particolare importanza la presenza di livelli di ossigeno nell’acqua in grado di garantire una efficiente azione batterica; valori ottimali possono essere ottenuti incrementando le velocità di ricircolo e  realizzando cascatelle.

Facendo riferimento ai costi di realizzazione di una piscina naturale è bene precisare che, al contrario di quanto si possa pensare, questi possono essere anche superiori a quelli di una tradizionale.

L’esigenza di avere un’area di rigenerazione sufficientemente ampia determina una superficie complessiva della piscina che, a parità di area balneabile, è circa il doppio rispetto a un impianto tradizionale.

Fig87-1

Biopiscina in Brianza (realizzazione Piscine&Natura)

Fig87-2

Biopiscina inserita nelle colline marchigiane (realizzazione Piscine&Natura)

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
L'autore
Biopiscine: consigli per la progettazione Architetto.info