CasaClima Awards 2015: Casa Ravazzolo a Monticello Conte Otto | Architetto.info

CasaClima Awards 2015: Casa Ravazzolo a Monticello Conte Otto

Abitazione unifamiliare in provincia di Treviso, è una “casa da 1 litro” con un involucro altamente performante che fa uso di materiali naturali e a basso impatto

casa_ravazzolo_COVER
image_pdf

Tra i premiati all’edizione 2015 dei CasaClima Awadrs, la “Casa da 1 litro” realizzata a Monticello Conte Otto, in provincia di Treviso, per la famiglia Ravazzolo porta la firma dell’ingegnere Fabio Gasparotto ed è un esempio concreto di come sia possibile scegliere la strada di una sostenibilità “certificata” anche per la propria abitazione. La committenza, privata, ha infatti deciso di realizzare una casa ecologica che è riuscita, grazie a una precisa strategia progettuale e costruttiva che ha sposato i protocolli CasaClima, a raggiungere il massimo livello di certificazione che l’agenzia altoatesina prevede: è infatti fra gli edifici riconosciuti CasaClima Gold Nature per l’approccio energetico ma anche, e soprattutto, per gli impatti sull’ambiente e sulla salute e il benessere di chi la vive (altri progetti premiati: l’Aqualux Hotel di Bardolino e l’ampliamento di una scuola a Merano).

La casa è un edificio compatto e indipendente, coperto da un tetto a doppia falda e circondato da un giardino privato che si eleva per due piani fuori terra. All’interno, distribuisce i locali di servizio, un soggiorno a doppia altezza, la cucina, un bagno, uno studio, un deposito e un garage al piano terra, destinando invece al superiore la zona notte con le camere da letto e un altro bagno.

È stata premiata per una molteplicità di fattori, su tutti la determinazione del committente a realizzare un edificio a bassissimo consumo che ha determinato attente scelte progettuali soprattutto sui materiali, il più possibile naturali, a basso impatto e in parte autoprodotti dallo stesso proprietario, e sul raggiungimento di un’alta performance complessiva del sistema involucro-impianti.

Senza un piano interrato, Casa Ravazzolo si poggia su fondazioni in cemento armato tradizionale che hanno richiesto uno scavo minimo: le strutture portanti dell’edificio si poggiano su una platea senza rete elettrosaldata sulla quale sono stati realizzati cordoli rialzati di 60 cm che hanno costituito le basi di appoggio per i muri soprastanti. Il legno è il materiale principale impiegato, presente nella struttura della casa e nelle finiture. Prefabbricata e montata completamene a secco, ha muri perimetrali, divisori e strutture portanti di solai e tetto realizzati in abete rosso sotto forma di travi e pannelli Xlam costituiti da 5 strati, mentre un laminato di rovere è il materiale di finitura delle pavimentazioni interne, flottanti su pannelli di gessofibra e uno strato separatore di canapa.

Una parte consistente dell’alta efficienza dell’edificio, che ha un fabbisogno energetico inferiore a 10 KWh/mq l’anno, è data dalle caratteristiche di un involucro dall’ottima tenuta all’aria e dall’alto potere isolante, dati da una coibentazione che utilizza nuovamente il legno sotto forma di pannelli in fibra di legno a densità variabile e taglio termico posati su pareti e tetto e dalla realizzazione di contropareti in mattoni di argilla autoprodotti utilizzando la terra estratta dello scavo. L’argilla, che a parete contribuisce anche a controllare la percentuale di umidità negli ambienti oltre che regolare il passaggio del calore, è anche materiale costitutivo, insieme alla polvere di caolino, degli intonaci interni, finiti a sapone di Marsiglia e cera d’api.

FOTO-8_lignoalp_casa_Ravazzolo

Dal punto di vista impiantistico, il sistema è ridotto al minimo. Le condizioni termiche e igrometriche interne sono gestite e controllate da un impianto a ventilazione meccanica controllata con recupero di calore che coadiuva un sistema di ventilconvettori. Impianti solare termico e fotovoltaico gestiti da un sistema domotico sono installati sul tetto.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
CasaClima Awards 2015: Casa Ravazzolo a Monticello Conte Otto Architetto.info