Fibra di lino: un isolante organico per tetti, pareti e solai | Architetto.info

Fibra di lino: un isolante organico per tetti, pareti e solai

La fibra di lino è un materiale con ottime proprietà termoacustiche e la sua elevata elasticità garantisce un facile impiego sia per l'interno sia per l'esterno. La scheda tecnica

lino
image_pdf

Le fibre di lino vengono unite assieme, strato per strato con un adesivo naturale. I pannelli isolanti si distinguono per la elevata elasticità, possono essere inseriti facilmente fra le intercapedini, senza lasciare possibili ponti termici negli stipiti di porte e finestre.

Materie prime e produzione

Le corte fibre della pianta del lino vengono trasformate in feltri dopo l’asportazione dello strato più duro. Vengono aggiunti amido di patata (circa 10%), che funge da legante, e sali di boro (circa 10%), come protezione antincendio.
Nei pannelli più spessi vengono utilizzate fibre di poliestere come armatura di sostegno. Il lino viene utilizzato da oltre 4000 anni per la produzione di tessuto e di olio.

Caratteristiche tecniche 
Proprietà Unità di misura Valori di riferimento
Massa volumica apparente kg/m3 20 – 60
Conduttività termica W/(m•K) 0,040
Calore specifico J/(kg•K) 840 –1300
Reazione al fuoco
Euroclasse B-s2, da d0 a C-s2, d0
 Classe del materiale B2 (normal. infiammabile)
Coefficiente di resistenza alla diffusione del vapore  – 1– 2
Resistività al flusso d’aria kPa•s/m2 > 2

Proprietà e applicazioni

Da qualche anno ma, finora, in quantità limitata questa fibra trova impiego da isolamento nell’edilizia.  Come altre fibre vegetali, per esempio il cotone, il lino possiede buone proprietà isolanti, ha un effetto di compensazione dell’umidità, resiste alle soluzioni alcaline e ha una buona resistenza all’umidità e alle muffe. Non deve però restare bagnato a lungo. Il lino non contiene proteine animali, quindi non viene attaccato dalle tarme.
Lino_01
Forme commerciali
Sul mercato i materiali isolanti a base di lino sono presenti nelle seguenti forme:
  • materiale per imbottiture, per l’isolamento da calpestio e per la tamponatura di giunzioni e cavità, per esempio nei telai per finestre e porte;
  • stuoie 625 mm x 1000 mm, spessori 40-200 mm, per l’isolamento termico e acustico e per soffitti acustici;
  • rotoli per isolamento acustico, 1000 mm x 25 metri lineari, spessore 2, 5, 8 mm, per isolamento termico e acustico in tetti, soffitti con travatura in legno, pareti di montanti e tra travi, travetti . I feltri isolanti arrotolabili possono essere fabbricati solo con fibre di sostegno in poliestere.
Possibili utilizzi delle fibre di lino
Copertura e solaio
 – Isolamento esterno, al di sotto del manto di copertura, protetto dagli agenti atmosferici
 – Isolamento tra i travetti della copertura, tetto ventilato
 – Isolamento interno al di sotto del solaio, dei travetti o della struttura portante
 – Al di sotto della pavimentazione senza requisiti di isolamento acustico
 – Al di sotto della pavimentazione con requisiti di isolamento acustico
Parete
 – Isolamento esterno con facciata ventilata
 – Strutture a telaio in legno e a pannelli
 – Isolamento interno
 – Isolamento di pareti interne

 

Feltro per isolamento termico e acustico in tetti, soffitti con travatura in legno, pareti di montanti e tra travi, travetti . I feltri isolanti arrotolabili possono essere fabbricati solo con fibre di sostegno in poliestere.

 

Istruzioni operative

Il lino può essere tagliato facilmente e senza produrre polveri in eccesso con una sega manuale o con la sega circolare, ma,
durante la posa, si consiglia comunque di portare la maschera antipolvere.

 

Igiene, salute e ambiente, riciclabilità

I materiali isolanti a base di lino non contengono sostanze nocive per la salute. Si tratta di un materiale che si rigenera e che proviene prevalentemente da coltivazioni biologiche. A causa della presenza dei sali di boro, dannosi per le acque di falda, e delle fibre di poliestere, resistenti alla decomposizione, i materiali isolanti a base di fibre di lino possono essere compostati solo in misura limitata (in impianti specificamente attrezzati). È possibile riutilizzarli o riciclarli per la produzione di energia.

Copyright © - Riproduzione riservata
Fibra di lino: un isolante organico per tetti, pareti e solai Architetto.info