I dieci parchi piu' belli d'Italia | Architetto.info

I dieci parchi piu’ belli d’Italia

wpid-24431_villacaprile.jpg
image_pdf

Dai 22 ettari di verde del Castello di Miramare sul golfo di Trieste ai giochi d’acqua della Villa Caprile a Pesaro, passando per il partenopeo Bosco di Capodimonte e la scenografica Villa Toeplitz a Varese: sono questi alcuni dei parchi più belli d’Italia, la lista di dieci bellezze verdi italiane compilata annualmente da Il parco più bello, network nazionale dei parchi e giardini.

Una selezione realizzata partendo dalla guida online del portale, che censisce oltre 1.000 parchi, tra pubblici e privati, a ulteriore conferma dell’interesse crescente per il turismo green, che secondo i dati Coldiretti ha raggiunto nel 2014 un record storico, con oltre 12 miliardi di fatturato tra parchi, giardini, oasi e riserve naturali.

I dieci parchi sono stati selezionati da un comitato scientifico (sette elementi, tra esperti di beni culturali e paesaggio e figure accademiche) che ha tenuto conto di vari aspetti: interesse botanico e storico-artistico, conservazione, aspetti connessi con la gestione e la manutenzione, accessibilità e servizi, relazione con il pubblico e promozione turistica.

Il vincitore tra i dieci parchi sarà annunciato in autunno. Sul portale dell’iniziativa è possibile conoscere tutti i dettagli storici e botanici dei giardini selezionati.

Castello di Miramare a Trieste: circondato da un vasto parco di 22 ettari e caratterizzato da una grande varietà di piante, è il risultato dell’impegnativo intervento condotto nell’arco di molti anni, per volere di Massimiliano d’Asburgo, sul promontorio roccioso che aveva in origine l’aspetto di una landa carsica priva di vegetazione. Nella zona est prevalgono i dettami del giardino paesaggistico con alberi alternati a spazi erbosi, sentieri tortuosi, gazebo e laghetti, mentre la zona a sud-ovest, protetta dal vento, accoglie un impianto geometrico “all’italiana”. 

Giardini della Landriana ad Ardea (Roma): 10 ettari di verde alla cui progettazione contribuì anche il famoso architetto paesaggista Russell Page. L’enorme quantità di specie floreali di ogni genere e provenienza ne fanno un luogo suggestivo, con fioriture come il giardino grigio, il prato blu, la valle delle rose, il viale bianco e il giardino degli ulivi. 


Villa Melzi d’Erli a Bellagio (Como): Giardino paesaggistico sul Lago di Como, con una vegetazione di piante secolari ed esotiche e una suggestiva atmosfera romantica che servì d’ispirazione a molti personaggi illustri, dallo scrittore Stendhal al musicista Lizst


Villa San Michele ad Anacapri (Napoli): Un giardino creato dal medico e scrittore svedese Axel Munthe, sospeso fra cielo e mare, ricavato sugli stretti terrazzamenti strappati alla roccia, con lunghi viali e angoli raccolti, ideali per la meditazione. Nel giardino, che ospita suggestive fioriture nel corso di tutto l’anno, si possono ammirare alcune specie caratteristiche della flora mediterranea e altre originarie di varie latitudini, scelte per la loro peculiare bellezza o per la loro valenza simbolica. 


Villa Cimbrone a Ravello (Salerno): è ritenuto uno dei più importanti esempi generati dalla cultura romantica, paesistica e botanica anglosassone nel Sud Europa. Particolarmente suggestiva è la posizione a strapiombo sul mare con vista sulla costiera.


Villa Grock ad Imperia: Un originale parco che riflette a pieno la figura stravagante del proprietario, il celebre artista e clown Adrian Wettach. Un’interessante e bizzarra commistione di stili e forme insolite che ricorda il parco Guell di Barcellona, con un significativo patrimonio arboreo, un giardino all’italiana, monumentali colonne e fantasiosi tempietti. 


Villa Caprile a Pesaro: Un parco che si distingue per i suoi giardini di delizie che seguono il pendio del colle e si dispongono su tre terrazzi collegati da scalinate. Il primo ospita i famosi giochi d’acqua che sorprendono e divertono i visitatori con spruzzi che fuoriescono all’improvviso da siepi e vasi monumentali; il secondo livello è occupato dal pomario con le sue piante da frutto; il terzo ospita il viridarium, con le profumate essenze di rosmarino, salvia, ginepro e timo. 


Bosco di Capodimonte a Napoli: esteso per oltre un centinaio di ettari, il parco si struttura su cinque viali principali e presenta un aspetto romantico in stile inglese, con specie arboree di sapore esotico, testimoni di terre e culture lontane. Il Bosco è oggetto di un impegnativo intervento di riqualificazione che ne accrescerà il fascino.  


Villa I Tatti a Firenze: Splendido giardino formale con giardini terrazzati chiusi sui lati da alte siepi di cipresso e ripartiti in geometriche aiuole bordate da siepi di bosso, una limonaia, un boschetto di lecci e un giardino pensile. (Foto © Allen J. Grieco)


Villa Toeplitz a Varese: Un parco che si estende per 8 ettari e che presenta percorsi romantici e bucolici, giardini progettati con cura, fontane scenografiche e giochi d’acqua. Nel parco sono presenti diverse componenti botaniche: una parte a prato, macchie di arbusti, un bosco di conifere e uno ceduo di castagno, una ricca varietà di specie spesso esotiche. 

Copyright © - Riproduzione riservata
I dieci parchi piu’ belli d’Italia Architetto.info