L'azienda agricola biologica certificata CasaClima in Toscana | Architetto.info

L’azienda agricola biologica certificata CasaClima in Toscana

All'interno del programma di Klimahouse Toscana 2016 anche il tour a un agriturismo realizzato secondo i principi della bioedilizia, certificato CasaClima Nature. Tutto sull'intervento

fienilo_cielo_nero
image_pdf

Dal 1° al 3 aprile a Firenze, presso la Stazione Leopolda, si terrà Klimahouse Toscana, uno degli eventi paralleli del formato Klimahouse proposti durante l’anno in location differenti dalla ‘storica‘ Fiera Bolzano.

In vista dell’avvio dell’evento, Klimahouse ha annunciato i tre tour guidati a edifici CasaClima realizzati nelle province di Firenze e Pisa. Un’opportunità per vedere applicate le soluzioni edilizie più innovative per realizzare costruzioni o ristrutturazioni energeticamente efficienti.

Una delle visite, previste il 2 aprile 2016 con partenza in pullman alle 14:00 dalla Leopolda, è dedicato alla visita all’Azienda agricola biologica “Poderaccio“, nel comune di Incisa Valdarno, a pochi chilometri da Firenze. Si tratta di un edificio suggestivo, sito tra boschi e uliveti toscani, e realizzato sulle fondamenta di un vecchio fienile e certificato secondo gli standard del protocollo CasaClima Nature.

Progettato dal geometra Francesco Sulli, Consulente Esperto CasaClima, l’intervento ha previsto la demolizione del vecchio annesso e la ricostruzione di un edificio con destinazione agricola e abitativa con accorpamento di volumi, realizzando una superficie abitativa di 200 m2 netti. L’edificio, attualmente in fase di certificazione in classe A secondo il protocollo CasaClima Nature, riprende l’architettura dei classici fienili toscani, rifacendosi alle forme e all’aspetto disomogeneo tipico degli annessi agricoli del Valdarno superiore.

20150419_150527

La costruzione a due piani, a pianta rettangolare, accoglie il centro aziendale e le sale di degustazione dei prodotti di propria produzione, oltre ad ospitare la residenza dei proprietari. In linea con la filosofia sposata per l’azienda agricola a produzione completamente biologica, per il nuovo edificio è stato scelto un approccio votato alla sostenibilità – con l’impiego di materiali da costruzione di bioedilizia, di filiera locale, o provenienti dal riutilizzo di materiali delle demolizioni – e alla rispondenza ai più stringenti parametri in tema di approvvigionamento idrico ed energetico, che ne permetteranno la certificazione secondo quanto stabilisce il protocollo CasaClima Nature. Gli obiettivi della committenza erano dunque incentrati sulla massima sostenibilità dell’edificio, compatibile con costi di realizzazione che si attestassero al di sotto dei 1.000 € al mq, oltre all’ottimizzazione della fruibilità degli spazi e costi minimi di esercizio.

895

Per rispondere a queste richieste, il progetto del geom. Sulli ha previsto la realizzazione dell’involucro in legno con fornitura proveniente dalle vicine zone del Mugello e della Valdisieve, mentre per l’isolamento sono stati scelti pannelli in lana di legno, con rasatura a calce, per finire con pavimentazioni in cotto e l’utilizzo di laterizi di recupero per la copertura.

20140618_104420

Le pareti dell’involucro realizzate con struttura a telaio con montanti e traverse in legno, sono stati isolati con un sistema a cappotto in lana di legno rasata a calce, mentre in copertura è stato realizzato un tetto ventilato sempre in legno costituito da travi, travicelli e doppio tavolato incrociato da 5 cm, che assicura lo smaltimento del calore in eccesso d’estate e dell’umidità in inverno, eliminando il rischio di fenomeni di condensa. Le finestre in legno hanno vetri a doppia camera e sono state dotate di sistemi di ombreggiamento che limitano l’influenza dell’irraggiamento nel periodo estivo sui lati esposti a sud-ovest.

Dal punto di vista delle soluzioni tecnologiche al servizio dell’efficienza energetica sono stati previsti un impianto di ventilazione meccanica, un impianto a pompa di calore a bassa potenza sotto i 5Kw che alimenta l’impianto di riscaldamento a pannelli radianti e termosifoni, una termocucina con caldaia in legno e un impianto fotovoltaico. Le prestazioni energetiche dell’edificio si sono dimostrate ottimali tanto che il fabbisogno di energia per il riscaldamento e il raffrescamento avvicina questa realizzazione ad un edificio passivo. In pratica l’edificio si mantiene su gradevoli temperature di comfort grazie quasi esclusivamente al funzionamento della ventilazione meccanica, con evidenti risparmi in bolletta per i proprietari.

sett2015 039

Tutto l’edificio, dalla demolizione di una preesistente costruzione agricola non sottoposta a vincoli, alla realizzazione delle rifiniture degli interni, escludendo i tempi di inattività, è stato realizzato in appena 10 mesi di lavoro. L’azienda agricola “Poderaccio” è fra i segnalati del premio “Toscana Ecoefficiente 2012” istituito dalla Regione Toscana per far emergere le azioni virtuose, per stimolare comportamenti volti all’ecoefficienza, per diffondere la conoscenza e la promozione dell’innovazione in campo ambientale.

Copyright © - Riproduzione riservata
L’azienda agricola biologica certificata CasaClima in Toscana Architetto.info