Le coperture a verde estensivo e a verde intensivo | Architetto.info

Le coperture a verde estensivo e a verde intensivo

Caratteristiche e peculiarità delle diverse coperture a verde, il tipo estensivo e il tipo intensivo

Copertura a verde estensivo (fonte: Optima Giardini Pensili)
Copertura a verde estensivo (fonte: Optima Giardini Pensili)
image_pdf

Possiamo ricondurre le coperture a verde pensile a due tipologie fondamentali:
• coperture a verde estensivo;
• coperture a verde intensivo.

Le differenze sostanziali consistono nell’apporto energetico richiesto e nel costo globale, ossia del ciclo di vita, che comprende l’installazione, la gestione e gli eventuali rinnovi periodici che variano da una tipologia all’altra.

Le coperture a verde estensivo sono utilizzate particolarmente su coperture con limitate possibilità di carico, di medie e grandi dimensioni, spesso su coperture piane, in sostituzione delle zavorre in ghiaia.
Il tipo di inverdimento estensivo è caratterizzato da un ridotto fabbisogno nutritivo e apporto energetico, bassi spessori e pesi, costi contenuti per l’installazione e la gestione. Tali superfici sono pensate in modo che l’approvvigionamento di acqua e di elementi nutritivi avvenga, nella misura maggiore possibile, attraverso processi naturali.

Copertura a verde pensile estensivo (Foto Antonio Spena)

Copertura a verde pensile estensivo (Foto Antonio Spena)

Il verde intensivo viene impiegato per la realizzazione di veri e propri giardini su qualsiasi tipo di superficie pensile: tetti, terrazze, parcheggi interrati, box…
Il sistema intensivo, a differenza di quello estensivo, è caratterizzato da un continuo apporto energetico, pesi maggiori e costi più elevati in fase sia di installazione sia di gestione. Le superfici richiedono una regolare manutenzione, maggiore di quanto non si debba fare su un giardino delle medesime dimensioni ma posto a terra per il fatto che ci troviamo sempre in condizioni con caratteristiche climatiche e pedologiche particolari, se non estreme.

Copertura a verde pensile intensivo (Foto Daniela Veronesi)

Copertura a verde pensile intensivo (Foto Daniela Veronesi)

Grande attenzione dovrà essere posta anche all’ancoraggio di piante di grandi dimensioni, con tecniche che permettano, possibilmente, l’ancoraggio ipogeo, evitando quindi cavi, pali o altro che potrebbero costituire un pericolo oltre che essere esteticamente poco piacevoli.
In generale, nella scelta della vegetazione da utilizzare per coperture a verde pensile occorrerà valutare tutti gli elementi per una selezione accurata.

I vantaggi di una copertura a verde, sia essa di tipo estensivo o intensivo, sono noti.
È assodato che la presenza del verde negli spazi urbani è fondamentale per il miglioramento dell’ambiente fisico, per il benessere psicologico dell’uomo, aiuta a ridurre lo stress, facilita la gestione delle acque meteoriche assorbendo l’acqua e rallentandone la velocità di deflusso, migliora il microclima abbassando la temperatura, migliora la qualità dell’aria, aumenta la biodiversità.
Le coperture a verde rappresentano quindi un vantaggio sia per l’edificio che si avvale di questa tecnologia, sia per l’intera comunità che indirettamente ne beneficia.

Copyright © - Riproduzione riservata
Le coperture a verde estensivo e a verde intensivo Architetto.info