Un giardino verticale per la sede della Reale Mutua a Torino | Architetto.info

Un giardino verticale per la sede della Reale Mutua a Torino

Progettato dallo Studio Kuadra, il giardino verticale crea una forza dinamica tra la dimensione storica dell'edificio e il suo restyling contemporaneo

wpid-26106_CoverSundarItaliagiardinoverticalepalazzoRealeMutuaTorinolow.jpg
image_pdf

 

I giardini verticali prendono piede anche in Italia: lo Studio Kuadra, con sede a Cuneo, ha recentemente ultimato un vertical garden all’interno della sede della Reale Mutua a Torino.

All’interno del piano generale di ristrutturazione e riqualificazione della sede torinese del gruppo, il team di Studio Kuadra ha messo in atto varie modifiche all’edificio per migliorarne gli ambienti a seconda dell’uso, la luce e l’estetica coniugando al meglio la modernità dei nuovi spazi e la storia del palazzo. In questo contesto storico sono stati inseriti dettagli, arredi e moderne tecnologie dando un aspetto innovativo e contemporaneo fin subito dall’ingresso.

 

LEGGI ANCHE: Il secondo giardino verticale più alto del mondo

“Abbiamo scelto di utilizzare il verde verticale come fondo scenografico della hall d’ingresso in modo da stupire il visitatore con questo tocco naturale inserito nel rigore architettonico dell’edificio storico”, spiegano i progettisti. “Inoltre, la demolizione di una porzione di soletta della terrazza al piano primo ha consentito di portare piu illuminazione diurna nella hall ampliando la percezione dello spazio. La luce naturale e l’uso del verde verticale sono i due elementi che l’intento di creare un ambiente ibrido in cui spazio interno ed esterno si fondessero”.

In questo contesto l’inserimento del giardino verticale dai colori accessi all’interno di un ambiente dai toni morbidi ed avvolgenti genera un contrasto che crea stupore nel visitatore. Per realizzarlo i progettisti si sono rivolti alla Sundar Italia, specializzata nel settore, che ha seguito il team fin dallo studio del progetto.

 

 

 

Le sfide poste dalla struttura erano complesse: si tratta infatti di una parete vegetale di grandi dimensioni all’interno della quale sono state nascoste due travi portanti; la luce naturale inoltre non era sufficiente e si è dovuto calcolare con precisione l’inserimento delle piante data la presenza ravvicinata di una scala in acciaio e vetro.

 

 

 

In fase di studio del progetto sono state anche individuate le tipologie di piante da inserire; queste dovevano avere principalmente due caratteristiche: creare dei volumi e delle linee decise, evidenti e chiare, con forme ‘geometriche’ particolari e necessitare di bassa manutenzione e ridotti tempi di intervento per le potature e la pulizia. I pannelli per la creazione della parete verde, come da prassi, sono stati realizzati in azienda e poi trasportati su un furgone a temperatura controllata fino alla sede di Reale Mutua, in pieno centro storico a Torino.

 

 

 

Successivamente, seguendo il progetto, i tecnici dell’azienda hanno installato, in una giornata, 150 mq di pannelli su una struttura portante realizzata ad hoc. Per ovviare alla scarsa luce naturale si è dovuto predisporre un impianto di illuminazione artificiale per garantire oltre ad una buona resa estetica anche il mantenimento delle piante. La parete è dotata di una centralina per l’irrigazione e fertilizzazione controllata 24 ore su 24 da un sistema a controllo remoto; in questo modo è possibile avere sempre un quadro completo dello stato di salute e mantenimento delle piante decidendo se e quando intervenire abbattendo, quindi, parte dei costi di gestione e manutenzione.

LEGGI ANCHE: “L’Oasis d’Aboukir, il nuovo capolavoro ‘verde’ di Patrick Blanc”

 

 

 

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Un giardino verticale per la sede della Reale Mutua a Torino Architetto.info