Vasche per piscine: tipologie costruttive e dimensionamento | Architetto.info

Vasche per piscine: tipologie costruttive e dimensionamento

La tipologia costruttiva e il dimensionamento sono gli aspetti che caratterizzano le vasche per piscine. I consigli dell'esperto di outdoor design

Piscina a sfioro in c.a. rivestita in gres, progetto Marsiglilab (Foto Daniele Domenicali)
Piscina a sfioro in c.a. rivestita in gres, progetto Marsiglilab (Foto Daniele Domenicali)
image_pdf

La tipologia costruttiva e il dimensionamento sono gli aspetti che caratterizzano le vasche per piscine dei nostri giardini. Le variabili sono numerose e così anche gli effetti ottenuti. Vediamo le principali tipologie costruttive e le dimensioni base da considerare.

Tipologie costruttive
La costruzione di una piscina prevede lo scavo e quindi la realizzazione di un basamento in calcestruzzo armato perfettamente livellato.

Le vasche possono essere realizzate con diverse tipologie costruttive. La soluzione più classica è la piscina in cemento armato, che ha il vantaggio di avere una maggiore resistenza e durata.
A differenza della vasca in cemento armato, quella in alluminio o acciaio presenta specificità di realizzazione maggiori rispetto a un’opera edile, con il vantaggio finale di costi contenuti e velocità di montaggio.

Un’altra tipologia costruttiva è costituita dalle vasche in vetroresina (poliestere rinforzato con fibre di vetro), sistema a elementi modulari prefabbricati e montati in cantiere.

Attualmente sono molto diffuse piscine con carattere temporaneo, dotate di struttura esterna rigida o in PVC morbido. Sono caratterizzate da una elevata praticità, ma spesso presentano una scarsa qualità estetica; in questo caso si può mitigare l’impatto visivo con un idoneo impianto vegetale volto a schermare i lati della piscina.

Il dimensionamento
Il dimensionamento della vasca e dell’impianto si fa in relazione all’uso, che può essere semplicemente ricreativo oppure sportivo. In quest’ultimo caso è bene prevedere una vasca di almeno 6 x 3,5 metri; si può pensare eventualmente di inserire un dispositivo di “controcorrente” che crea una maggiore resistenza dell’acqua e rallenta il percorrere della vasca.

L’altra dimensione da considerare è la profondità: nel caso di piscine private si oscilla generalmente dai 100 ai 250 centimetri, quest’ultimo valore è d’obbligo nella zona sottostante un eventuale trampolino per i tuffi.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Vasche per piscine: tipologie costruttive e dimensionamento Architetto.info