Il Brick Award 2014 alle soluzioni piu' innovative per il laterizio | Architetto.info

Il Brick Award 2014 alle soluzioni piu’ innovative per il laterizio

wpid-22635_casaartistapescara.jpg
image_pdf

L’evoluzione estetica e funzionale del laterizio va ‘in scena’ a Vienna: la capitale austriaca ospita infatti l’8 maggio la cerimonia di assegnazione del Premio internazionale di architettura Brick Award, il riconoscimento a cadenza biennale destinato alle più innovative costruzioni in laterizio. Istituito e promosso da Wienerberger, il premio punta a sottolineare la versatilità d’uso e l’originalità del materiale al servizio delle soluzioni architettoniche contemporanee, sempre nell’ottica della massima funzionalità.

E per celebrare degnamente l’edizione 2014, particolarmente significativa dato che coincide con il decennale dell’istituzione del premio, Wienerberger ha coinvolto nomi d’eccezione nella giuria di valutazione dei progetti finalisti: primo fra tutti il cinese Wang Shu, vincitore del Premio Pritzker (il ‘nobel’ dell’architettura) nel 2012, che presiederà il team composto dagli architetti Vera Yanovshtchinsky (Paesi Bassi), Ewa Kurylowicz (Polonia) e Pavol Panák (Slovacchia), quest’ultimo vincitore del Wienerberger Brick Award 2012 per la categoria delle ristrutturazioni.

“I progetti pervenuti per il Brick Award di quest’anno ancora una volta mettono in luce la valenza sostenibile del laterizio come elemento chiave e performante per un’architettura orientata al futuro, all’efficienza energetica e, soprattutto, alla modernità” ha spiegato Heimo Scheuch, Ceo di Wienerberger Ag. 

La selezione dei finalisti è avvenuta su segnalazione di un panel di critici e giornalisti internazionali di architettura: dai 300 progetti indicati, ne sono stati selezionati 50 per la fase finale, provenienti da 26 paesi diversi dell’Europa e dell’Asia, dalla Spagna al Bangladesh, dalla Cina alla Svezia.

Fig.: Tra i finalisti, la stazione dei pompieri di Santo Tirso, in Portogallo, firmata da Alvaro Siza

I progetti concorrono all’interno di 5 categorie: edifici unifamiliari, ristrutturazioni di edifici pubblici, nuovi edifici pubblici, interventi nel tessuto urbano, soluzioni speciali in laterizio. Fra i premiati in ciascuna categoria verrà scelto inoltre il vincitore del Gran Premio.

I criteri di valutazione dei progetti riguardano principalmente l’aspetto innovativo dell’edificio, la creatività e la maestria di utilizzo dei laterizi, prendendo in analisi anche i risultati conseguiti dalle singole opere in tema di sostenibilità, funzionalità e efficienza energetica. Di contro, precisano da Wienerberger, l’utilizzo di materiali proprietari dell’azienda non costituisce affatto un criterio di selezione, come invece accade spesso nei premi internazionali indetti da committenti privati.

In attesa di conoscere i vincitori del progetto, l’appuntamento è per l’8 maggio nella cornice del suggestivo “Architekturzentrum” di Vienna.

Fig. Un altro dei progetti italiani in lizza per il premio, la ‘casa studio’ firmata Studio Zero85 + Sergio Sarra a Pescara.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il Brick Award 2014 alle soluzioni piu’ innovative per il laterizio Architetto.info