Il Cubo di Rubik, rompicapo immortale | Architetto.info

Il Cubo di Rubik, rompicapo immortale

wpid-4305_gattorubik.jpg
image_pdf

43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta, nella versione 2×2×2 può assumere 3.674.160 combinazioni possibili, di cui solo una è quella corretta. Da questi numeri si può capire perché il Cubo di Rubik è il rompicapo per eccellenza, il più conosciuto al mondo.

Il celebre gioco di logica è stato inventato dal professore di architettura e scultore ungherese Ernő Rubik nel 1974.Chiamato originariamente Magic Cube (Cubo magico) dal suo inventore, il rompicapo fu ribattezzato Cubo di Rubik dalla Ideal Toys nel 1980 e nello stesso anno vinse il premio Spiel des Jahres, Gioco dell’anno, in Germania.

Il Cubo di Rubik presenta, su ognuna delle sue 6 facce, 9 quadrati di sei colori differenti per un totale di 54 quadrati. Le versioni disponibili sono quattro: 2×2×2 (Pocket Cube), 3×3×3 (Rubik’s Cube), 4×4×4 (Rubik’s Revenge) e 5×5×5 (Professor’s Cube).

Facendo un passo indietro, il primo prototipo del cubo, progettato a scopi didattici, all’inizio si diffuse solo tra i matematici ungheresi, interessati ai problemi statistici e logici che il cubo poneva. Questo differiva lievemente da quello odierno: era monocolore, di legno e con gli angoli smussati.L’anno successivo il rompicapo viene modificato e assume le caratteristiche distintive con cui lo conosciamo oggi. Rubik brevetta allora il cubo e affida alla produttrice di giocattoli Polithechnika il difficile compito della distribuzione del gioco matematico battezzato Magic Cube. Ma per la prima vendita bisogna aspettare il 1977.

Da questo momento in poi il cubo comincia a farsi conoscere a diffondersi nei negozi europei e americani grazie alla Ideal Toys Company che nel 1980 acquista i diritti per l’esportazione oltre i confini ungheresi e decide di rinominarlo Rubik’s Cube: il rompicapo è destinato a diventare il più venduto della storia, basti pensare che soltanto nel 1982 ne sono stati venduti oltre 100 milioni di pezzi.

Nello stesso anno hanno inizio anche le competizioni e Minh Thai, studente di Los Angeles, vince il primo campionato del mondo con un tempo di 22,95 secondi. Ancora oggi si svolgono veri e propri tornei ai quali partecipano concorrenti provenienti da ogni parte del pianeta.

Nel 1995, per celebrare il 15º anniversario del cubo magico, la Diamond Cutters International ha realizzato un cubo di 185 carati fatto d’oro e di gioielli colorati. Nel 2005 per il 25º anniversario viene invece messa in vendita un’edizione speciale con il logo “Rubik’s Cube 1980-2005”presente su uno dei quadrati bianchi.

O.O.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Il Cubo di Rubik, rompicapo immortale Architetto.info