Il design italiano 'adorna' il Consiglio europeo | Architetto.info

Il design italiano ‘adorna’ il Consiglio europeo

wpid-4424_ue.jpg
image_pdf

Il design ha contribuito all’affermazione del made in Italy e continua a diffondere nel mondo l’apprezzamento di un “life style” insieme alla moda, al cibo e all’unicità dei beni culturali. In occasione del semestre di Presidenza italiana a Bruxelles, iniziato il 1˚ luglio, fino al 31 dicembre 2014, FederlegnoArredo e Adi proseguono nel loro percorso di promozione del design italiano portando presso la sede del Consiglio dell’Unione Europea, Palazzo Justus Lipsius, alcune iniziative che coniugano arte e design.

Nell’atrio di accesso del Consiglio è sospesa l’installazione “Terzo Paradiso” di Michelangelo Pistoletto, mentre nell’ingresso all’edificio, sempre al piano terra, sono esposti i 20 prodotti vincitori del recente Premio Compasso d’Oro Adi. Al piano di ricevimento, le sale di rappresentanza, affidate all’Italia per il periodo di Presidenza, sono arredate a cura di FederlegnoArredo. Allo stesso piano, inoltre, sono esposti sei prodotti della Collezione Storica Compasso d’Oro Adi, uno per decennio, a raccontare il percorso storico della produzione e del premio che promuove il design italiano dal 1954.

“Essere presenti in questo luogo di grande visibilità politica con il migliore design è per FederlegnoArredo e per Adi un onore. Rappresentiamo un’eccellenza per il paese e siamo certi che portare il meglio della creatività italiana a Bruxelles sia un modo per portare valore a questo semestre di presidenza italiana”, sottolinea il presidente di FederlegnoArredo Roberto Snaidero. “Il design è una risorsa strategica e trasversale che può connettere la produzione, la formazione, il commercio, il turismo valorizzandone le eccellenze. L’arte e il design ci rappresentano e sottolineano l’unità di pensiero che caratterizza il nostro modo di creare, di vivere e di lavorare”, precisa il presidente Adi Luciano Galimberti.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Il design italiano ‘adorna’ il Consiglio europeo Architetto.info