Il design si veste di Red | Architetto.info

Il design si veste di Red

wpid-5110_LeicaDigitalRangefinder.jpg
image_pdf

Un’asta molto speciale: è quella che si terrà il prossimo 23 novembre 2013 da Sotheby’s, il tempio mondiale dell’auction. Speciale in primo luogo per le personalità coinvolte, vale a dire il guru del design della Apple Sir Jonathan Ive (Kbe) e il designer industriale Marc Newson (Cbe): i due hanno lavorato un anno e mezzo per curare una collezione che celebra l’eccellenza del design e dell’innovazione, con oggetti provenienti da diverse discipline che vanno dal viaggio spaziale e il lighting design, all’arte contemporanea e le auto rare. L’asta, il cui ricavato verrà devoluto a The Global Fund per la lotta contro Aids, tubercolosi e malaria, nasce all’interno delle iniziative filantropiche di Red, il progetto promosso da ormai più di un ventennio dal leader della rock band mondiale degli U2 Bono.

Tra le 40 chicche in vendita, una scrivania in alluminio ultra-sottile a due sole gambe, che sulla superficie riproduce un pattern cellulare con un marchio laser che dimostra l’unicità del pezzo (e la firma di Ive and Newson). Saranno in vendita anche i Golden Ear Pods, versione d’oro dei celebri auricolari da iPod, e un pianoforte Steinway Parlor Model A. Il pezzo più atteso, forse, è però la Leica Digitale in alluminio: annunciata nelle settimane scorse, l’ipertecnologica fotocamera ha richiesto 9 mesi di lavoro, con il contributo di 55 ingegneri che hanno dovuto ideare 940 prototipi per le singole componenti, e nel complesso 560 modelli preliminari prima di ottenere quello definitivo. Con la Leica Red, i promotori dell’asta sperano di portare a casa un’offerta stratosferica, di almeno 4,4 milioni di euro.

C’è anche un prodotto made-in-Italy tra le eccellenze che andranno all’asta: si tratta dell’astrografo Rila 400, telescopio dal veloce rapporto focale prodotto dall’Officina Stellare. Dotato di supporto a colonna personalizzato, il telescopio è all’avanguardia sia sotto il profilo meccanico, con l’utilizzo di materiali compositi di carbonio e leghe speciali, che otticamente, grazie al progetto ottico che impiega lenti a bassa dispersione. Con sede a Thiene, in provincia di Vicenza, Officina Stellare è un’azienda specializzata in telescopi high-end per astronomi professionisti ma anche per amatori. Tra i suoi clienti, anche la Nasa, il Mit e Sofia (Stratospheric Observatory for Infrared Astronomy).

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Il design si veste di Red Architetto.info