Il pronto soccorso elegante e concettuale | Architetto.info

Il pronto soccorso elegante e concettuale

wpid-98_radiusdesignusafirstaid.jpg
image_pdf

La cassetta di pronto soccorso fa parte di una categoria di oggetti che sono stati sottovalutati rispetto al loro potenziale valore di progettazione, almeno fino al punto in cui alcuni marchi importanti hanno pensato di ripensarlo in base al loro significato principale.

Realizzato da Ulf Thomas Solbach per Radius, in metallo e tessuto nylon e disponibile in due versioni, una domestica e l’altra da ufficio, il “First-aid Kit” intende essere un’efficace rielaborazione dell’iconica Red Cross realizzata da Eriksson nel 1992.

Il versatile designer svedese, infatti, progettò una versione che rappresentava un corto circuito efficace per l’identità dell’oggetto. Il suo personalissimo Red Cross Cabinet, realizzato per Cappellini, è prima di tutto ciò che il nome afferma: una croce rossa. Pur non avendo alcun legame ufficiale con l’organizzazione internazionale, tuttavia, l’allusione alla Croce Rossa è una scelta di grande efficacia: l’armadietto, per la sua stessa forma e colore, definisce la sua funzione e richiama un immaginario universalmente condiviso legato alla salute.

L’antenata era parte della serie Cappellini Progetto Oggetto Collection, dedicata a oggetti “solitari” per la casa, il Red Cross Cabinet e sfrutta pertanto uno dei simboli riconosciuti a livello internazionale, un’azione che il designer ha già compiuto altre volte, e che ha concorso a farlo passare con successo nell’arco di quasi 30 anni di carriera attraverso tutti gli ambiti del design, da Scandinavian Airlines a Ikea.

La sua fama le ha procurato un posto nella collezione del MoMA, chissà se la reinterpretazione di Solbach avrà lo stesso radioso destino.

V.R.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il pronto soccorso elegante e concettuale Architetto.info