Il "velo" di Mario Bellini per il Louvre apre al pubblico | Architetto.info

Il “velo” di Mario Bellini per il Louvre apre al pubblico

wpid-12336_aa.jpg
image_pdf

Dopo l’inaugurazione ufficiale dello scorso 18 settembre, il nuovo dipartimento delle arti islamiche, realizzato nella Cour Visconti, ha aperto le porte al pubblico sabato scorso. Sette anni di lavoro, tre anni di cantiere, 6.800 mila metri quadrati in più per il museo francese, di cui 3.800 espositivi, destinati a ospitare la prestigiosa collezione di arti islamiche, fino a oggi esposta in sale ristrette e inadeguate.

Il progetto porta la firma dell’architetto milanese Mario Bellini con il collega francese Rudy Ricciotti. La nuova architettura – che si inaugura il 18 settembre– non è un edificio nel senso tradizionale del termine e neppure una semplice copertura della corte. “È piuttosto un enorme velo che ondeggia come sospeso nel vento, sino quasi a toccare in un punto il pavimento della corte ma senza ingombrarla totalmente, né contaminarne le storiche facciate – spiega Bellini, autore con Renaud Pierard anche dell’allestimento museale -”.

Al nuovo dipartimento, che si sviluppa su due piani, si accede dalla piramide, e occasionalmente anche dal lungo Senna, attraverso la stessa Cour Visconti. “Nessun riferimento a tappeti volanti, veli islamici o musciarabia – precisa l’architetto -. Solo un profondo rispetto per la collezione islamica, unito a una personale conoscenza, maturata nel corso di numerosi viaggi, del suo contesto geografico culturale”.

Alla geometria della copertura, flessuosa e quasi tessile, risponde la continuità dello spazio interno, popolato da grandi vetrine-teca interamente in cristallo, liberamente disposte come pesci in un acquario”. Ancora il vetro è chiamato a sigillare verticalmente, in posizione arretrata rispetto al suo perimetro esterno, l’intera copertura con il pavimento della corte. E lo fa in modo totalmente invisibile. Sotto il grande mantello della copertura lo spazio è stato mantenuto unitario con un percorso sempre fluido e dinamico.

O.O.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Il “velo” di Mario Bellini per il Louvre apre al pubblico Architetto.info