Bulb, l'idea piu' semplice | Architetto.info

Bulb, l’idea piu’ semplice

wpid-9826_home.jpg
image_pdf

L’idea più semplice vince ancora. Al London Design Festival 2011 il designer inglese Mark Holmes ha presentato una lampada a forma di lampadina ad incandescenza, prodotta dal marchio di design Minimalux.

Chiamata “Bulb”, bulbo appunto, il prodotto è composto da una sfera in vetro soffiato opalino e uno stelo in ottone in cui il entra il cavo. È dotato di una sorgente di luce CFL ed è già disponibile, con o senza dimmer. Nota per gli oggetti semplici propri del mondo artigianale, Minimalux si è lanciata nel 2009 con una gamma di accessori da scrivania, portauova e portagioie realizzati in ottone massiccio e rivestiti in argento e oro. L’anno scorso al London Design Festival hanno presentato una collezione di oggetti del desktop in alluminio anodizzato.

Come suggerisce il nome, questa nuova lampada da tavolo è un omaggio alla forma e alla materialità delle familiari, ma presto obsolete, lampadine a incandescenza. Fin dagli albori del 20° secolo, le lampadine sono state una caratteristica familiare nella nostra vita e del lavoro. Come ringraziamento e riconoscimento per tutto il duro lavoro portato a termine nel corso del secolo scorso, Minimalux libera la vecchia lampada dal suo consueto modo di stare “in piedi” e le permette di riposare su un fianco, di rilassarsi e di godersi la meritata pensione.

La lampada è completamente compatibile con una vasta gamma di lampade a risparmio energetico, mentre solo nel corpo ci ricorda la sua eredità. Bulb è realizzata a mano in vetro soffiato opalino con uno stelo in ottone lavorato che funge da passacavo. Viene dotata di un’elevata efficienza energetica, compatibile con lampadine a luce compatta fluorescente con 10000 ore di vita. 

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Bulb, l’idea piu’ semplice Architetto.info