Candelier, il lampadario che si consuma | Architetto.info

Candelier, il lampadario che si consuma

wpid-10503_nuovacandehome.jpg
image_pdf

“Candelier”, creato dal designer giapponese di nascita, New Yorkese d’adozione Takeshi Miyakawa. È un lampadario realizzato interamente in cera, che brucia se stesso nel corso della sua vita durante il suo normale utilizzo. Miyakawa ha concettualizzato il lavoro avvalendosi anche dell’uso del programma software “creatomatic” dell’artista Nova Jiang.

L’applicazione giustappone in modo completamente casuale le immagini di due oggetti di uso quotidiano, promuovendo in questo modo la libera associazione e la creatività: “la “creatomatic” utilizza la tecnica della sorpresa per superare i modi abituali del pensiero e del corto-circuito di controllo razionale”.

“Candelier”, così come altre opere d’arte generate dall’uso di “creatomatic”, è ora in esposizione presso il Centro di Arte e Tecnologia Eyebeam a New York. Interessanti sono i dettagli del lampadario illuminato e degli stampi in cera dei vari modelli, tagliati e assemblati a mano fino a ottenere il componente finito.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Candelier, il lampadario che si consuma Architetto.info