C’è ma è Invisibile | Architetto.info

C’è ma è Invisibile

wpid-3830_lightarch.jpg
image_pdf

Per Fontana Arte, la prestigiosa azienda milanese fondata da Gio Ponti nel 1932, la creazione di Invisibile rappresenta certamente un fatto anomalo. Invisibile è un apparecchio che scompare nella massa muraria, fino a mimetizzarsi con il suo immediato contesto materico. È una soluzione che sancisce l’interesse di Fontana Arte per la luce architetturale, dopo decenni di attività nel campo del decorativo.

L’innovazione dell’apparecchio si spiega con il suo stesso nome: si integra perfettamente alla parete o al soffitto sul quale è installato diventando appunto invisibile; questo grazie a un corpo in estruso di alluminio grezzo trattato con una base idonea all’applicazione della stessa finitura utilizzata per la muratura (gesso, vernice, ecc.).

{GALLERY}

Inoltre, la dotazione di giunti, già previsti nell’apparecchio, consente di realizzare installazioni lineari continue senza zone d’ombra ma con un emissione di luce uniforme e ininterrotta. Corpi angolari a 90° e 270° gradi permettono di illuminare anche gli angoli delle pareti.

Infine, l’installazione dell’apparecchio non richiede alcun intervento di muratura in quanto esso viene applicato direttamente alla parete. Gli ingombri minimi e l’estrema flessibilità (montaggio in orizzontale, verticale, soffitto, parete, ecc.) caratterizzano il prodotto.

Alimentazione elettronica DALI – Trattamento della superficie del prodotto mediante un doppio passaggio in verniciatura con primer e vernice.

Copyright © - Riproduzione riservata
C’è ma è Invisibile Architetto.info