La carta che non brucia | Architetto.info

La carta che non brucia

wpid-4497_cartalamp.jpg
image_pdf

L’architetto e designer svedese Claseeon Koivisto Rune ha lanciato una lampada realizzata interamente in carta. Progettata per il marchio svedese Wastberg, la luce W101 è costituita da fogli pressati di DuraPulp, una miscela di pasta di cellulosa e amido fornita dalla silvicoltura Sodra che realizza anche oggetti. La lampada è infatti frutto di una stretta collaborazione tra le aziende e i designer.

L’innovazione sta dunque nel materiale, il DuraPulp che è composto dal 100 per cento di fibre rinnovabili ed è completamente biodegradabile.

“Questa luce ad alta tecnologia a LED ha la sua intera struttura in carta biodegradabile. E’ costruita da fogli di carta a sandwich di DuraPulp, una miscela di pasta di carta e polimero di amido.

Proprio per il fatto di essere di carta, è molto forte e duratura. Ma questo è dovuto anche alla geometria della lampada, più volte piegata su se stessa quasi il risultato di una procedimento che genera un origami; ciò determina rigidità alla struttura, e non le conferisce solo un effetto scultoreo.

La struttura della lampada è componibile e utilizza un minimo assoluto di materiale. Il disegno realizzato per il momento, unico modello, con una soluzione luminosa a LED, fornisce il miglior rapporto tra la qualità della luce emessa e il risparmio energetico.

E la luce a spot genera e indirizza la fonte luminosa esclusivamente dove occorre, senza spreco inutile di energia. La temperatura del colore del Led è 3000 K, vale a dire un colore della luce bianco caldo, con un diffusore e un riflettore asimmetrici, per un uso personalizzato;

Dunque al momento, W101 pare proprio essere la lampada elettrica più ecologica che ci sia.{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
La carta che non brucia Architetto.info